E’ GUERRA TRA LE OPPOSIZIONI


Non abbiamo avuto nè il piacere nè l’onore di ricevere le dichiarazioni del candidato a Sindaco Massimo Carrello e ce ne dispiace. Soprattutto alla luce della risposta che i consiglieri eletti nelle liste di appoggio alla candidatura di Salvatore Librizzi hanno comunicato questo pomeriggio. E’ una vera e propria guerra tra le diverse sponde dell’opposizione consiliare. Come letto su altri organi di informazione, Massimo Carrello ha tacciato di “trasformismo coloro che si sono presentati come alternativa dell’attuale amministrazione. Secondo sempre l’esponente del PDL, ma non con Renato Mangano e rappresentato in consiglio da Carmelo Galipò (PD), “Hanno confermato l’accordo con l’attuale sindaco Enzo Sindoni in barba alle promesse elettorali solo per avere poltrone e posti di comando”. La polemica è scaturita dopo l’elezione dei tre componenti del Consiglio Tributario. La risposta dei consiglieri Sanfilippo, Trusso, Micale e Gemmellaro non si è fatta attendere in tutta la sua ironia, nemmeno tanta velata.

“Rispediamo al mittente le ingiustificate illazioni del dott. Massimo Carrello che, ormai definitivamente fuori dalla scena politica, utilizza la propria “presenza” in seno al civico consesso per accordi trasversali sia con il PdL che con l’Amministrazione attiva, in spregio al mandato popolare. Noi svolgiamo il nostro ruolo con coerenza, modulando la nostra azione politico-amministrativa in funzione di proposte che abbiano come punto essenziale, l’interesse di Capo d’Orlando e dei nostri Concittadini. Sentiamo forte la responsabilità che ci è stata assegnata ed esercitiamo puntualmente il nostro ruolo di controllo ed indirizzo politico.

Nella fattispecie, ricordiamo al dott. Carrello, che peraltro dovrebbe essere “del mestiere”, che qualunque cittadino di Capo d’Orlando in possesso dei requisiti richiesti avrebbe potuto far parte del Consiglio Tributario, organo di rilevante importanza, seppur non remunerato in alcun modo e che la scelta dell’intero Consiglio Comunale è stata effettuata secondo un criterio oggettivo, in funzione delle manifestazioni di interesse pervenute, senza inciuci e senza i giochi di palazzo cui lo stesso probabilmente è abituato. Attendiamo fiduciosi la proposta di adozione del codice etico che valuteremo come al solito con la massima attenzione ed auspichiamo che contenga, in maniera chiara ed inequivocabile, l’espresso riferimento ai principi irrinunciabili che disciplinano i conflitti di interesse e competenza che ci stanno tanto a cuore.

Fermo e impregiudicato quindi il nostro impegno per la crescita civile, socio-economica e democratica di Capo d’Orlando, la nostra azione politico-amministrativa nel rispetto di tutti i nostri Concittadini, del mandato e del programma elettorale sarà continua e coerente.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close