galati_mamertino

“Sblocca Italia”, Natale scrive a Renzi

galati_mamertino
Galati Mamertino – Il palazzo del Principe De Spuches e la casa albergo per anziani. Sono queste le due priorità che il Sindaco di Galati Mamertino, Dr. Bruno Natale, ha indicato al premier Matteo Renzi nell’ambito del provvedimento “Sblocca Italia”.

Il Presidente del Consiglio, ha invitato infatti i Sindaci di tutta Italia a segnalare progetti e cantieri bloccati per ritardi, difficoltà o inefficienze. Il primo cittadino Natale, ha così citato in una lettera che riportiamo di seguito, due progetti che, per motivi diversi, sono rimasti “impiantati” e la cui ripresa potrebbe rappresentare un volano di sviluppo per la comunità galatese.

“Caro Presidente, scrive Natale, ti ringrazio per la carica di vitalità che hai impresso alla politica nazionale e mi auguro che essa sia contagiosa a tutti livelli istituzionali e possa finalmente generare una stagione di riforme concrete, sempre annunciate e mai realizzate. Colgo con favore la tua iniziativa di avere segnalata da parte dei tuoi ex colleghi sindaci un’opera importante incompiuta per inserirla in un pacchetto di misure che servano a far decollare l’economia del paese ed abbiano una ricaduta positiva nelle realtà locali. Essa si muove nella perfetta logica della sussidiarietà che vede i comuni nella veste di percettori dei bisogni dei cittadini e lo Stato nella veste di soccorritore di livello superiore, a differenza delle politiche centralistiche passate in cui sono stati i vertici regionali o statali a imporre pianificazioni e scelte che non trovavano riscontro nelle effettive esigenze delle collettività periferiche. Qui di seguito ti voglio segnalare due incompiute che, se completate, potranno rappresentare un volano di sviluppo per la mia comunità. Una, è il Palazzo del PRINCIPE DE SPUCHES, un monumentale palazzo baronale che domina la Piazza Centrale del Paese, oggetto di interventi parziali ed attualmente inagibile. Il progetto di restauro e rifunzionalizzazione e’ stato inserito nel programma “seimila campanili”, con un progetto esecutivo presentato nei termini con un grande sforzo da parte degli uffici comunali e la cui realizzazione darebbe alla mia comunità uno straordinario centro museografico polivalente, incubatore di cultura, idee per i giovani ed occasioni di sviluppo turistico e quindi economia. Le notizie, in proposito, provenienti dal ministero delle infrastrutture del ministro Lupi, prevedevano lo sblocco di ulteriori finanziamenti, con fondi derivanti dalla riprogrammazione dei POR 2007-2013 nelle regioni Campania, Calabria e Sicilia, (quegli stessi finanziamenti che puntualmente restituiamo alla Comunità Economica Europea, per incapacità di spesa e per mancanza di progettazioni). Notizie positive che avevano fatto riaccendere le speranze della mia Comunità di vedere finanziata l’opera, attesa giustificata dal fatto che il recupero di tale importante bene storico sarebbe un simbolo di rinascimento culturale e sociale. Negli ultimi mesi, invece, queste notizie di speranza per il mio, come per tanti altri comuni, che con tanta solerzia avevamo approntato queste idee progettuali, sembrano di nuovo quasi svanire, per cui, chiedo il tuo prestigioso ed autorevole intervento, con la praticità e determinazione che diuturnamente dimostri, per sbloccare questi fondi e per dare al mio e a tanti altri piccoli comuni la possibilità di realizzare le legittime ed annose attese. L’altra, è la “Casa albergo per anziani”, un’opera incompiuta ed abbandonata con spreco delle risorse investite nel periodo di vacche grasse. La mia Amministrazione ha cercato di risolvere gli annosi problemi legati al collaudo delle opere che bloccavano qualsiasi prospettiva di intervento sulla struttura. Ora, in periodo di vacche magre, si aspetta un finanziamento per dare un futuro alla stessa. Il suo completamento potrebbe avere un significato strategico nel momento in cui si assiste ad un invecchiamento della popolazione residente ed al proliferare di badanti per la mancanza di strutture idonee. Esso avrebbe sicure ricadute occupazionali ed economiche con una riduzione delle rimesse di denaro all’estero. Ricambio con calore il tuo abbraccio, scrive infine il primo cittadino, riformulo l’imbocca al lupo a tutti noi, perché ne abbiamo veramente bisogno, e mi auguro che avvenga la svolta buona per il nostro amato Paese”

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close