sciacca baracca

Lo Sciacca Baratta nella lettera “Sblocca Italia”

sciacca baracca

Il Sindaco di Patti, Avv. Giuseppe Mauro Aquino, ha risposto alla lettera “Sblocca Italia” inviata dal Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi. Il Presidente Renzi nella sua missiva invitava i sindaci a segnalargli una caserma bloccata, un immobile abbandonato, un cantiere fermo, un procedimento amministrativo da accelerare, per verificarne così lo stato d’attuazione con gli uffici dedicati e – se del caso – procedere all’interno di un pacchetto di misure denominato “Sblocca Italia”. Accogliendo tale inviato il Sindaco Aquino ha segnalato un immobile di proprietà comunale, Palazzo Sciacca Baratta, struttura a poche decine di metri da Palazzo delle Aquile, sede fino agli anni ’70 di una casa di riposo pubblica e da allora abbandonato. L’immobile in questione si trova in precarie condizioni di manutenzione e minaccia ormai la rovina, costituendo grave pericolo per la privata e pubblica incolumità.

aquino

Nel corso degli anni il Comune si è dotato di un progetto per il recupero della struttura ed il suo utilizzo per social housing, tenuto conto dell’endemica carenza di alloggi popolarti da affittare, a canone agevolato, alle famiglie in difficoltà. All’interno della struttura, che si estende per circa 600 metri quadri, è stato preventivato che è possibile realizzare otto alloggi di varia metratura, che consentirebbero di lenire il disagio abitativo delle fasce più deboli della popolazione, ma anche di rivitalizzare una delle zone più antiche e suggestive del centro storico. “Nonostante gli sforzi ed i tentativi fin qui posti in essere – ha scritto il Sindaco nella lettera inviata al Presidente Renzi – non siamo riusciti a reperire dalla Regione Siciliana le risorse necessarie a realizzare l’intervento. Abbiamo ricercato un provato disponibile a investire propri capitali in cambio della gestione degli immobili, ma la sproporzione tra l’investimento necessario e i ricavi stimati ha costituito, in assenza di provvidenze pubbliche, un muro insormontabile. Sono perfettamente conscio delle difficoltà economiche in cui si dibatte il Paese e della penuria di risorse pubbliche a tutti i livelli di governo, ma mi permetto di suggerirti, con la dovuta pacatezza, ha proseguito Aquino, la possibilità di avviare un piano straordinario (con adeguata dotazione finanziaria) per l’edilizia pubblica, focalizzato su troppi immobili, inutilizzati, di Comuni e altri Enti, che preveda il fondamentale coinvolgimento dei privati, apportatori d’indispensabili risorse finanziarie. Con tale iniziativa, cui aderirebbe immediatamente anche il mio Comune, ha concluso il Sindaco, riusciremmo a mettere in moto, con un semplice effetto leva, imponenti capitali privati, risolvendo al contempo il problema del disagio abitativo che sempre più cruente va manifestandosi tra le nostre famiglie”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close