Calciomercato

Calcio, i movimenti delle messinesi

Calciomercato

Capo d’Orlando – Prima metà di giugno trascorsa e primi movimenti per le compagini messinesi impegnate nei campionati calcistici dilettantistici. Andiamo quindi a vedere come si stanno muovendo le società del nostro comprensorio in vista della stagione sportiva 2014/2015.

Partiamo dalla Serie D, dove l’Orlandina vive un periodo di confusione. Il club guidato dal Presidente Romagnoli pare sia pronto ad accogliere nuovi soci interessati ad investire nella compagine biancoazzurra, che avrebbe così rinnovate ambizioni rispetto alla “tranquilla salvezza” puntata qualche giorno fa proprio dal patron paladino. Guida tecnica di questo nuovo progetto sarebbe il confermato mister Angelo Galfano o, in alternativa, mister Antonio Venuto. Finché non ci saranno comunicazioni ufficiali, comunque, il condizionale è d’obbligo. Anche in casa Due Torri la situazione non è chiarissima. La società pirainese deve infatti fare i conti fuori dal campo a livello economico, dopo aver raggiunto una straordinaria salvezza sul rettangolo verde che significa oltre 40 anni di storia senza mai retrocedere. Si potrà sostenere un nuovo campionato di Serie D? Ai posteri l’ardua sentenza. Meno punti interrogativi a Brolo, dove la Tiger ha già confermato il proprio allenatore Santino Bellinvia e ha prolungato il rapporto con il centrocampista Vito Lupo (foto Forzano), che sarà ancora il capitano dei “tigrotti”. Prossimi rinnovi saranno quelli di Calabrese, Falanca e D’Alessandro, mentre, per quello che concerne il mercato, si cerca un centrocampista di livello da affiancare a Lupo per avere grande quantità e qualità nella zona nevralgica del campo. La società del Presidente Tripi e del Vice-Presidente Gatto ha comunque intenzione di investire sui giovani, sia con il nuovo settore giovanile, sia con juniores scelti per rappresentare la Tiger di oggi e del futuro.

In Eccellenza, l’Igea Virtus difficilmente ripartirà da Perdicucci in panchina. A livello di organigramma, il club giallorosso sta avendo svariati incontri per allargare la base societaria e, di conseguenza, conoscere budget ed obbiettivi per la prossima stagione. Si ripartirà comunque da un nucleo giovane e che valorizzi il talento locale. A Taormina è invece praticamente ad un passo la fusione tra Sporting ed Asd che porrà fine alla divisione delle risorse in una città che sta crescendo calcisticamente in maniera esponenziale e che ha raccolto grandi risultati con entrambe le formazioni durante gli scorsi campionati.

Discorso a parte per il Rocca di Capri Leone, ancora a metà tra Eccellenza e Promozione. Il club biancoazzurro si sta impegnando per partecipare al massimo torneo dilettantistico regionale. I grandi risultati del settore giovanile caprileonese sono un punto a favore importante per la società del Presidente Giacobbe, anche se quest’anno la Lega ha fatto sapere che la priorità in sede di ripescaggi verrà data alle squadre sconfitte nei play-off di Promozione e non alle formazioni retrocesse. Il Rocca, comunque, entro fine mese sceglierà il nuovo allenatore. Un poker di nomi è sul tavolo del ds Germanotta, che sta vagliando ogni opzione. Se i “leoni” affronteranno un nuovo torneo di Eccellenza, punteranno alla salvezza. In caso contrario, si disputerà un campionato di Promozione di vertice.

Andando proprio in Promozione, momento delicato per la Mamertina, che potrebbe rivoluzionare tutto e ripartire da zero. La categoria è da scoprire. Approccio completamente diverso in casa Santangiolese, dove la dirigenza ha un progetto a lunga gittata che ha già dato grandissimi frutti nel recente passato e che continuerà ad essere giustamente intrapreso. Difficoltà anche in casa Torregrotta, dove tra società e comune vi sono svariati punti da chiarire. Pare risolto il problema per la concessione del nulla osta della Commissione di Vigilanza con il conseguente via libera per il rilascio della Licenza di Pubblico Spettacolo e Pubblica Sicurezza del campo sportivo. Più tempo occorrerà, invece, per il regolamento d’uso dello stesso campo sportivo, mentre di contributi economici, assenti a Torregrotta da ormai dieci anni, sembra non se ne parli affatto e per questo il Presidente Sindoni potrebbe abbandonare il club. Chiudiamo con il Sinagra, attivissimo in sede di mercato, che ha confermato lo zoccolo duro dei “grandi” formato da La Torre, Anfuso, Gregorio, Gaudio, Musca, Ioppolo, Bucale e Mancuso. Arriva Tuccio dal Raccuja, mentre salutano la truppa del confermatissimo mister Andrea Ioppolo Giordano, Nibali, Sgrò e Caminiti.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close