capo2016

Delibere in Movimento

capo2016

I Giovani di Capo d’Orlando guardano il loro futuro da adesso. Con sguardo all’orizzonte immaginano come vorrebbero il loro paese tra qualche anno. Il Movimento Capodorlando2016 è un laboratorio di idee che poi, messe nere su bianco, vengono proposte agli amministratori. Ultima tappa del cammino è stata la consegna al Sindaco di Capo d’Orlando di tre proposte da porre al vaglio dell’amministrazione e  del Consiglio Comunale. Le tematiche trattate riguardano la trasparenza amministrativa in base al disposto del D.Lgs 13/13 con l’anagrafica degli eletti ad una carica rappresentativa, anagrafe pubblica relativa alla raccolta, al recupero, allo smaltimento e alla raggiungimento dei obiettivi di raccolta dei rifiuti solidi urbani e il suo controllo. In sintesi le tre proposte:

anticorruzione

Il decreto legislativo 33/13 (art 22) prevede che le Pubbliche amministrazioni mettano online dati relativi agli enti pubblici vigilati, agli enti di diritto privato controllati o vigilati dall’Amministrazione, alle partecipazioni in società di diritto privato. Pertanto si chiede di deliberare l’ adozione della Carta di Pisa. Un codice etico promosso da Avviso Pubblico,  poiché è fondamentale adottare codici etici stringenti e che prevedano clausole e sanzioni sia per il livello amministrativo che per quello politico, che prevedano la diffusione tra tutti i destinatari, affinché sia conosciuto e applicato, che preveda una formazione specifica sul tema dell’integrità pub. Di predisporre una “tavola pubblica per la trasparenza” congiunta con il compito di monitorare il rispetto delle politiche previste nel piano anticorruzione e in quello della trasparenza per come stabilire (formazione, rotazione degli incarichi, whistleblowing, messa online delle informazioni) e aggiornare insieme il piano anticorruzione, stimolando l’accesso civico.

Il grave problema relativo all’intero ciclo dei rifiuti solidi urbani è la mancanza di trasparenza e di controlli. I dati non sono certi ma sono fondamentali ed indispensabili per l’avvio di ogni politica di costruzione di un ciclo virtuoso dei rifiuti. La proposta di delibera istituisce l’Anagrafe Pubblica dei Rifiuti con lo scopo di rendere pubblici e consultabili i dati dell’intera filiera, con particolare attenzione agli impianti di incenerimento/gassificazione, agli impianti di trattamento, alle discariche e alle questioni economiche che sono dietro al ciclo completo o presunto tale.

Ultima proposta di deliberazione per l’avvio del percorso “verso rifiuti zero” con l’introduzione di un programma di gestione dei rifiuti urbani e dei servizi di decoro e igiene urbana, tra cui la raccolta differenziata porta a porta spinta dei rifiuti urbani. In sostanza  si chiede il raggiungimento nel più breve tempo possibile degli obiettivi di legge e, comunque, il conseguimento del 75% di raccolta differenziata entro il 2016 e del 90 % entro il 2020, con almeno il 50% di effettivo riciclo.

edo
                  Edoardo Lipari                        Capo d’Orlando 2016

 Adesso il Movimento Capo d’Orlando 2016 attende i riscontri sulla possibilità che le idee si tramutino in scelte condivise. Tutte le iniziative del Movimento potete visualizzarle su www.capodorlando2016.it

 

 

 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close