calvanimaresca2

Calvani: “Vogliamo rispetto”. Questa sera gara 3 al PalAberti

calvanimaresca2

Barcellona – Questa sera al PalAlberti andrà in scena Gara 3 dei quarti di playoff di Legadue Gold tra Barcellona ed OrlandinaI biancoazzurri sono sopra 2-0, avendo vinto entrambe le gare disputate al PalaFantozzi, agevolmente la prima, con qualche difficoltà la seconda, ma senza mai essere impensieriti davvero da Barcellona. L’ambiente barcellonese pretende una scossa questa sera, perché uscire senza aver vinto neanche una gara di playoff per due anni di fila sarebbe davvero traumatico.

In casa Barcellona, prima della partita si è tenuta la consueta conferenza stampa, che ha visto protagonisti il coach giallorosso Marco Calvani ed il capitano Giuliano Maresca“Arriviamo a gara 3 con il risultato di 0 -2, – dichiara Calvani – per noi è un percorso in salita che sembra insormontabile. Ho detto alla squadra che non va mai bene quando si perde, però la partita ci ha dimostrato che siamo competitivi e questo dev’essere un segnale per acquistare fiducia e non demoralizzarci.” 

L’allenatore romani si augura una scossa da parte dei suoi giocatori e parla pure di alcune decisioni arbitrali: “Loro hanno dimostrato nell’arco dei mesi di essere superiori a noi ma anche a molte altre squadre, noi in gara 2 abbiamo avuto la certezza di essere competitivi e questo dev’essere il nostro punto di partenza. Mi auguro che nei confronti dei miei giocatori e della mia società venga riconosciuto lo stesso rispetto di quello riconosciuto a Capo d’Orlando in casa, né più e né meno. Ci vuole equilibrio e non mi piacciono gli atteggiamenti di sudditanza, anche perché questa grandissima vetrina merita di essere vissuta sotto tutti i punti di vista, come meritano queste due squadre e come merita la nostra classe arbitrale. Dico questo senza pensare che ci sia malafede, altrimenti non starei qui a parlarne. Se non sono state tollerate le parole di chi ha fatto la storia della pallacanestro italiana come Antonello, allora non ci dev’essere sudditanza nei confronti di nessuno, soprattutto sul campo da gioco.“ 

Successivamente prende la parola Giuliano Maresca: “Il punto di vista dello spogliatoio è unico, vogliamo andare avanti e di conseguenza siamo obbligati a vincere. Affrontiamo questa partita con la convinzione di quanto fatto nei primi venti minuti di gara 2. Siamo consapevoli che se riusciamo a estendere sui quaranta minuti l’operato dei primi due quarti del match disputato martedì, possono cambiare tante cose. Le mie condizioni fisiche sono traballanti, però, anche a costo di finire la gara zoppo sarò l’ultimo a mollare la presa. Vogliamo dare una gioia al popolo Barcellonese e al Presidente.”

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close