UPEA: INGRANAGGI IN MOTO ?


A parlarci della gloriosa vittoria dell’Orlandina Basket in quel di Ferentino con il risultato di 68 a 75, nella consueta conferenza stampa post-gara del martedì, è coach Giovanni Perdichizzi, che si ritiene chiaramente soddisfatto del lavoro svolto dalla propria squadra: “La gestione del ritmo di gioco e l’ottima difesa sono state le chiavi della vittoria e, proprio riguardo la difesa, sono compiaciuto del fatto che questa inizi a funzionare bene considerato il duro allenamento esercitato su di essa. Abbiamo di fatto messo a punto nuovi schemi che tendono a rallentare gli avversari. Abbiamo tolto loro punti in contropiede e siamo riusciti a lasciare poco spazio a Carrizo, Guarino e Ianes. Un plauso va certamente a Crow che è stato sulle tracce di Carrizo tutto il tempo sia quando questo giocava da 3, che quando giocava da 4, di fatti ho dovuto mettere in panchina Damiani per lasciargli più spazio. L’unico elemento a nostro sfavore sono stati i liberi, che abbiamo sbagliato non ottimizzando gli antisportivi e i tecnici che Ferentino ha subito. Bisogna lavorarci molto su. Nonostante tutto devo fare i complimenti a tutti i ragazzi perché in campo ci hanno messo la testa e il cuore.
Riguardo le due importanti assenze il coach paladino prosegue: “Potevamo risultare svantaggiati considerata la mancanza di Cardinali e De Min, ma quando ci si trova in un caso di emergenza ognuno dà il proprio meglio e posso ritenermi soddisfatto per come sia stata ben supplita la loro assenza”.
Elemento di preoccupazione per i più è la partenza del capitano Pablo Albertinazzi (che, ricordiamo, si vede costretto a lasciare Capo d’Orlando a causa di importanti questioni familiari). Ma coach Perdichizzi non si perde d’animo, risultando persino fiducioso: “L’addio di Pablo ci ha sicuramente lasciati molto sorpresi, ma lui ha fatto una scelta di vita mettendo al primo posto la famiglia e questa scelta va rispettata: è sempre stata consuetudine di Capo d’Orlando rispettare le decisioni degli atleti. L’unico acquisto possibile in questo momento è la squadra tutta, che dopo quest’ultima vittoria contro Ferentino e quella precedente contro Napoli inizia ad essere consapevole della propria forza e risulta sempre più unita. Sono tranquillo per quanto riguarda il play poiché abbiamo Alessandri che, considerate le esperienze passate e l’evidente crescita, non mi sento quasi di definire un under. Come cambio di Alessandri punto molto su Caula e si potrebbe lavorare anche su Casati. Cardinali, Zampolli e Zanelli sono abituati a portare palla e potrebbero essere utilizzabili in situazioni particolari.”

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close