MUSCALE: COMINCIATI I LAVORI, UNA VITTORIA !


E’ un gran bel lunedì per la contrada di Muscale, e non solo per l’ennesima giornata baciata dal sole. Sono infatti partiti di buon’ora i lavori di decespugliamento del greto del torrente . Un piccolo passo per una contrada e i suoi abitanti per riappropriarsi della dignità di cittadini , perduta tra le alte macchie che oramai regnavano sovrane. Un piccolo, ma significativo passo che speriamo risvegli le coscienze ed il senso critico di cittadini che troppo spesso si rassegnano all’apatia di amministratori latitanti salvo poi presidiare il territorio in vista delle elezioni. Non solo vittime questi cittadini, ma anche carnefici dei propri diritti, troppo spesso svenduti sull’altare di false promesse e favori. La speranza che i cittadini, non solo di Muscale, capiscano che la partecipazione e non l’indolenza è l’unico carburante capace di smuovere l’apatia e correggere la “malamministrazione”. Che finalmente essi prendano consapevolezza che chi siede sulle poltrone di Palazzo Europa  non è il padrone del vapore, ma un macchinista a cui è stato dato il compito dai veri padroni della locomotiva ( i cittadini elettori) di condurla in maniera accorta alla prossima stazione. Con la speranza che ciò si concretizzi e non siano solo casi isolati dettati dalle situazioni di emergenza , abbiamo seguito la prima giornata di lavori. Gli operai della ditta incaricata dal comune si sono divisi in tre squadre, la prima ha cominciato dal ponte della s.s. 113 (foto sotto) riportando alla luce la traccia del torrente che era  oramai ricoperta dalla vegetazione e riabbassando ed allargando il letto del torrente.

Ci soffermiamo ad ispezionare nuovamente il ponte, a conferma di quanto anticipato ieri  fotografiamo nuovamente i vetrini applicati dall’Anas ( ancora colpevolmente assente….) per evidenziare l’evidente rottura degli stessi segno inequivocabile che lo smottamento continua . Scambiamo quattro chiacchiere con gli operai che lavorano di gran  lena , anche loro sono stupiti dalla grande presenza di tronchi e detriti che in caso di piena sarebbero diventati veri e propri proiettili pronti a colpire tutto ciò che avrebbero trovato sulla propria strada. Scendo giù , non senza fatica giù per l’alveo ed incontro la seconda squadra che nella zona centrale armata di motosega sta diligentemente eliminando rovi e canne cresciute rigogliose nell’umidità del torrente. Continuo la mia discesa sino al delta del torrente ed anche qui si lavora alacremente, il paesaggio comincia a cambiare anche qui  e l’angolo tropicale che avevamo incontrato solo pochi giorni fa , comincia a tornare quello di una normale macchia mediterranea, riportando alla luce una zona che era impossibile scorgere nei precedenti sopraluoghi.

Proprio mentre osserviamo i lavori , la motosega va in panne. Sintomo dello sforzo che anche i mezzi meccanici devono sostenere per farsi strada in questa inestricabile muraglia verde. Il primo passo alla riconquista di vivibilità in questa contrada sembra essere fatto , ma non bisogna abbassare la guardia. La pulitura dei tre tracciati che si uniscono nel Muscale infatti deve servire  per avere un quadro ben più preciso della situazione, e degli interventi urgenti ed improcrastinabili che a stretto giro devono essere effettuati  per non rendere vano lavori e risorse oggi qui impegnate. Noi vigileremo, qui a Muscale come in altre parti del territorio.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close