VOLLEY: STEFANESE SCONFITTA, BISOGNA CAMBIARE ROTTA


Continua il momento negativo della Irritec & Siplast Stefanese volley, che  torna con le ossa rotte dalla trasferta Messina, alla quale si è presentata con delle atlete in precarie condizioni fisiche. Certamente nella testa delle ragazze stefanesi, pesa parecchio l’inaspettata battuta d’arresto casalinga del turno precedente, ma vedendo la carature delle atlete che compongo il roster stefanese c’è da fare un’attenta riflessione, in quanto fino ad ora la squadra ha giocato solo a sprazzi e non sta rispettando quelli che erano i presupposti della vigilia. Tutti questi punti che si stanno perdendo in questo avvio di stagione possono essere determinanti se si crede ancora di poter competere con le “grandi” di questo raggruppamento. Motivo per cui ci sembra doveroso da parte della società fare il punto della situazione attuale, in maniera tale che, chi non si sente parte integrante del progetto abbia il coraggio di fare un passo indietro, in quanto non si possono vanificare così i sogni bellicosi di inizio stagione. Incerottata com’era, anche a Messina in avvio di partita  la squadra di Tommaso Pirrotta ha avuto una partenza incoraggiante anche se il rendimento della squadra era sempre altalenante, per cui questo lasciava
presagire che il disastro era dietro l’angolo. Ed i padroni di casa non si sono fatti certamente sfuggire la ghiotta occasione, e punta nell’orgoglio riesce a mettere sotto la quotata avversaria, che rimane frastornata ed in balia delle peloritane, rendendo vani anche i tentativi  dei cambi operati dal tecnico Pirrotta.  Per la formazione del Messina una vittoria del cuore strameritata che l’allontana almeno per il momento dalle zone calde della classifica; mentre  per la Stefanese questo econdo K.O. consecutivo suona come un campanello d’allarme è da pochissime attenuanti alla squadra che scivola  a -4 dalla zona play off.  Per Marcini e compagne si presenta subito l’occasione per potersi rifare, in quanto al Palaceramiche domenica arriva il forte Cefalù, per un derby sentito e che rappresenta una sorta di spareggio per chi tra le due squadre vuole provare ad inserirsi nella lotta play off, e se le ragazze di coach Pirrotta non cambieranno atteggiamento, unendo alle indubbie doti tecniche cuore e cattiveria, sarà sicuramente impossibile dare alla tifoseria ed alla dirigenze quelle soddisfazioni programmate alla vigilia.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close