PERCHE’ I CONSIGLIERI DI MINORANZA SI ASTENGONO


A seguito del consiglio comunale svoltosi lunedì 14 ottobre, come già comunicato precedentemente, su diciotto votanti, quindici di questi esprimono una dichiarazione di voto favorevole all’acquisto del piazzale “ex scalo merci”. Dubbiosi però, i rappresentanti dell’opposizione si astengono dal voto, esprimendo delle perplessità riguardo la possibile regolarità del traffico e le norme d’attuazione dell’area ferroviaria, considerato che è prossima l’apertura del sovrappasso della ferrovia.

I consiglieri di minoranza Sanfilippo, Trusso, Micale e Gemmellaro, vogliono giustificare la loro scelta di astensione attraverso un comunicato che pubblichiamo.

Il voto di astensione espresso nel corso del Consiglio Comunale del 14 novembre 2011, ha voluto evidenziare la diversa metodologia di approccio dei Gruppi consiliari “Librizzi Sindaco” e “Democratici” al delicato tema della pianificazione e della gestione delle problematiche correlate alle dinamiche del traffico veicolare che gravita nel centro urbano, anche alla luce della nuova viabilità di accesso conseguente alla definitiva consegna dei lavori del cavalcavia ferroviario.
Nonostante il lungo lasso di tempo trascorso dall’avvio di questi lavori, infatti, l’Amministrazione, preferendo la politica dell’annuncio propagandistico, mai ha inteso coinvolgere il Consiglio Comunale nella pianificazione operativa del comparto produttivo “strategico” compreso nella zona tra lo scalo ferroviario e la piazza “Trifilò”, limitandosi, ancora una volta, a portare al vaglio del civico consesso soltanto l’assunzione di un mutuo decennale per l’acquisizione dell’area destinata a parcheggio, sulla spinta dell’urgenza/emergenza di esercitare la prelazione nel procedimento di vendita espletato dalle Ferrovie dello Stato.
Pur condividendo quindi – in linea generale e di principio – l’ipotesi di acquisizione in proprietà dell’area ex scalo merci e del manufatto in essa allocato, non si comprende ancora quali siano gli obiettivi che l’Amministrazione intende conseguire in questo delicato settore e se la stessa è veramente interessata a coinvolgere il Consiglio Comunale nelle fondamentali decisioni che riguardano il futuro di Capo d’Orlando, consentendogli, attraverso percorsi partecipativi corretti, legittimi e istituzionali, di esplicitare compiutamente il mandato popolare, con chiare indicazioni di indirizzo politico/programmatico che riguardano il futuro del paese.

Gaetano Sanfilippo
Giuseppe Trusso
Alessio Micale
Gaetano Gemmellaro

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close