Poz_Ciri

C. d’Orlando: l’Upea ospita Forlì – Pozzecco: «Non sarà facile»

Poz_Ciri
Arriva domani, alle 18:00 al PalaFantozzi, la Fulgor Libertas Forlì, compagine attualmente al penultimo posto in classifica, ma che meriterebbe, alla luce delle ottime prestazioni fornite sui parquet di Gold, qualcosa in più dei 12 punti ottenuti finora.
All’andata i paladini si imposero al Pala Credito di Romagna per 71-79, grazie ad un’ottima prestazione di D’wayne Mays, autore di 31 punti, ma domani saranno privi di Andrea Benevelli, fermo a causa di una lesione muscolare.
In questo campionato però non esistono partite semplici per nessuno e la squadra dell’ex-Upea Nicholas Crow (12 punti di media in stagione) ha dimostrato nelle ultime 3 gare di potersela giocare con chiunque, perdendo di soli 5 punti con Verona, di 4 contro la Sigma Barcellona e di 7 contro la capolista Trento.

«Forlì è una squadra molto dura da affrontare – dichiara coach Gianmarco Pozzecco in conferenza pregara -, e noi, fino a questo momento, non siamo stati capaci di chiudere una gara in anticipo per gestire il finale. Questo è un match che mi preoccupa anche perché siamo corti sotto canestro al momento, ma i miei ragazzi hanno sempre affrontato al meglio ogni difficoltà. All’inizio dell’anno nessuno o quasi credeva che avremmo potuto dire la nostra in questo campionato – continua Poz – per questo voglio e devo ringraziare i miei ragazzi, perché stanno dando l’anima per questa squadra».
La partenza di Cefarelli e l’infortunio occorso a Benevelli hanno accorciato le rotazioni dell’Upea. Non sarà probabilmente Canavesi il lungo che allungherà la panchina bianco-blu, coach Pozzecco non è infatti convinto dell’utilità di un giocatore che, al momento del rientro di Benevelli, a poco servirebbe nelle rotazioni paladine: «Preferirei un giocatore che può giocare insieme a Nicevic, un “4” che può difendere sul “5”, più o meno uno col fisico di Mason Rocca. Per ora siamo in una situazione d’emergenza, dovrò chiedere ad Archie di giocare da “5” e a Soragna e Basile di fare qualche minuto da “4”, ma ho totale fiducia nella mia squadra, riusciremo a sopperire a queste avversità».

Leonardo Ciribeni è consapevole della difficoltà che può nascondere una gara come quella di domenica e sa che in un momento come questo il contributo di ognuno dei ragazzi disponibili è fondamentale: «Non dobbiamo assolutamente guardare la classifica – commenta la guarda marchigiana –, Forlì nelle ultime quattro partite ha giocato con Verona, Barcellona, Trento e Torino giocandosela fino alla fine. È una gara che non dobbiamo prendere sotto gamba, dobbiamo restare concentrati. Io non mi abbatto mai e lavoro sempre dando il massimo – conclude Ciribeni – cerco di sfruttare tutte le occasioni che ho a disposizione e aiutare i miei compagni».

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close