basilio scaffidi

Brolo: per il M5S “emergenza rifiuti, serve un piano temporaneo”

basilio scaffidi
In una lettera aperta i rappresentanti del M5S di Brolo denunciano l’emergenza rifiuti che si sta verificando nel centro tirrenico. Secondo il “grillo dei Nebrodi” i “cassonetti traboccano di rifiuti e ci ritroviamo con i fusti della spazzatura in mezzo alla strada”.

Basilio Scaffidi,  Simone Luca Reale, Paolino e Silvio Ricciardo, Salvo Scolaro e Antonella Sapienza ribadiscono la necessità di un piano rifiuti temporaneo che preveda la raccolta effettuata da personale comunale e non da ditte esterne.

Di seguito la lettera aperta del M5S

Oggetto: Emergenza Rifiuti.
Come già evidenziato con la nostra proposta per un nuovo piano rifiuti “temporaneo”, l’emergenza rifiuti nel nostro paese è diventato per l’ennesima volta un problema insostenibile.
In quasi tutte le vie, infatti, i cassonetti dei rifiuti traboccano nella migliore delle ipotesi o, addirittura, ci ritroviamo con i fusti della spazzatura in mezzo alla strada.
Non riteniamo scontato sottolineare che una situazione del genere è intollerabile, non solo per ragioni attinenti al decoro urbano (aspetto importante, ma secondario nella fattispecie in questione), ma soprattutto per ciò che riguarda l’igiene e la salute della collettività.
Non è la prima volta, infatti, che abbiamo puntato l’indice contro l’inefficienza della gestione dei rifiuti, che, infin dei conti, si è rivelata vantaggiosa solo per quei privati che hanno potuto fare profitto. L’unica cosa certa è che i cittadini brolesi non hanno mai beneficiato di un servizio quanto meno dignitoso.
Tuttavia, il problema dell’emergenza rifiuti continua a persistere, nonostante tale servizio sia stato affidato ad un nuovo soggetto privato.
Pertanto, ribadiamo ancora una volta la necessità di un piano rifiuti temporaneo che faccia a meno – nei limiti del possibile – dell’affidamento a ditte esterne, in modo da utilizzare il numeroso personale comunale che, in una grave situazione come la nostra, deve necessariamente essere reimpiegato in nuove mansioni.
Altro punto focale del nostro piano rifiuti è l’individuazione di centri di stoccaggio comunale al fine di ridurre al massimo il costoso conferimento in discarica (dagli 80 ai 90 euro a tonnellata, più il costo del trasporto). Tali aree potrebbero essere individuate nelle zone periferiche del nostro Comune e non crediamo sia un’operazione molto difficoltosa.
Siamo certi che il Commissario starà valutando il nostro piano rifiuti “temporaneo” depositato all’ufficio protocollo in data 04 febbraio 2014 e sarà nostra cura rappresentargli la nuova situazione d’emergenza.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close