im evidenza

Tusa: la città si illumina di meno a favore dell’ambiente

im evidenza
Un San Valentino a luci di candele per la città alesina, che, per proposta del consigliere Pasquale Serruto ha partecipato all’iniziativa di sensibilizzazione al risparmio energetico e quindi a un maggiore rispetto dell’ambiente “Mi illumino di meno”.

Lanciata diversi anni fa dalla trasmissione radiofonica “Caterpillar”di Rai Radio2, l’iniziativa invita tutti gli italiani una volta l’anno, a livello simbolico, a ridurre al minimo il consumo energetico, spegnendo il maggior numero di dispositivi elettrici non indispensabili.

Su questa scia, anche la città di Tusa quest’anno ha spento le illuminazioni pubbliche, lasciando alcuni scorci suggestivi di questa piccola cittadina, vero e proprio museo a cielo aperto, illuminati dalla luce soffusa di alcune candele. Tra queste, il campanile sito nella piazza principale del paese, sulla cui facciata è stato proiettato il logo dell’iniziativa. Un modo, ci spiega il consigliere Serruto, per far giungere questo importante messaggio anche a tutti quei cittadini che non si sono potuti recare in piazza, visto che il campanile è visibile da quasi tutti i quartieri.

tusa1

Un’iniziativa che però non ha avuto solo una valenza ambientale, ma nel desiderio degli amministratori, guidati dal primo cittadino Angelo Tudisca, quello di conferire ad essa anche una valenza culturale.

La penombra è infatti calata anche sui diversi monumenti presenti nel centro storico. Ad illuminare questi ultimi, come anche i mosaici ospitati all’interno dell’ antiquarium Badia, soltanto delle piccole torce che hanno di certo contribuito a rendere ancora più suggestivo il patrimonio storico- artistico di questo piccolo centro nebroideo.

tusa3

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close