Mays

C. d’Orlando: l’Upea vince il derby ed è di nuovo prima in classifica!

MaysL’Orlandina Basket vince una gara tanto difficile quanto emozionante, equilibrata fino alla metà del terzo quarto, subendo l’allungo barcellonese e risorgendo incredibilmente dagli abissi infliggendo un break di 30-4 negli ultimi 7 minuti della gara. Guidata da Mays l’Orlandina conquista una vittoria importantissima, per il morale e per la classifica: torna infatti in vetta al campionato di Adecco Gold grazie alla sconfitta di Trento a Verona e continua a far sognare i tifosi bianco-blu.

Lo show inizia sulle tribune ancor prima che sul parquet, con i cori più o meno goliardici tra le due tifoserie. I primi punti del match arrivano con la tripla di Mays, e il PalaFantozzi esulta come fosse un goal. La tensione è alle stelle, le difese sono nervose e la percentuale al tiro da tre è altissima. Le bombe si susseguono da ambo le parti: Mays, Filloy, Maresca, Collins e Portannese: a 5 minuti dall’inizio gli ospiti conducono per 11-14. Mays infila la tripla del -2, Collins e Ganeto portano però la Sigma sul massimo vantaggio, +7 (14-21). Arriva pronta la risposta di Archie, Nicevic e super-Mays, in un amen l’Upea è sul -1, ma sulla sirena Ganeto segna dall’angolo la bomba che chiude il primo quarto sul 20-24.

In avvio secondo parziale la difesa bianco-blu è intensa e meno nervosa rispetto al primo quarto: i giallo-rossi commettono qualche errore di troppo, subiscono le triple di Laquintana e Portannese e il contropiede di Mays, l’Upea va sul +4 (28-24). Coach Calvani chiama time-out, al rientro la tripla di Portannese porta i paladini sul massimo vantaggio: +7 (31-24). Collins accorcia le distanze e Young, fino a questo momento quasi inesistente, la impatta a quota 31. Il fallo tecnico fischiato a Coach Pozzecco permette a Collins dalla lunetta di mandare le squadre negli spogliatoi sul +2 Sigma (35-37).

Al rientro dall’intervallo lungo la Sigma ha nuova linfa, fa girare bene la palla mentre i paladini sono fiacchi. Il quarto fallo fischiato a Portannese è una tegola in testa ai padroni di casa, la tripla di Soragna dall’angolo riporta i bianco-blu sul -1, ma Fantoni e Collins allungano nuovamente (40-45). L’Orlandina pasticcia parecchio in attacco e arriva la seconda tegola per coach Pozzecco: il quarto fallo anche di Sandro Nicevic e Fantoni che da sotto può appoggiare indisturbato il +7 (42-49). Laquintana tenta di accorciare le distanze, ma numerosi fischi arbitrali piuttosto dubbi penalizzano non poco i paladini, che chiudono il terzo parziale sotto di 8 lunghezze (44-52).

L’avvio dell’ultimo quarto sembra segnare la disfatta per i paladini, che non riescono più a trovare conclusioni e subiscono troppo gli ospiti: la tripla di Collins e l’inchiodata di Young fanno volare la Sigma sul +14 (44-58). Coach Pozzecco chiama time-out e al rientro è Mays-show: segna col fallo, ruba la palla a Collins innescando il contropiede corretto in tap-in da Archie e spacca la difesa ospite con due bombe da 8 metri. Con un break di 11-0 l’Upea è di nuovo in partita (55-58). Il PalaFantozzi è una bolgia e finalmente entra in partita Nicevic, segnando dalla sua mattonella e inchiodando la schiacciata che impatta la gara a quota 60. Archie recupera una palla importantissima e vola in contropiede ad inchiodare il nuovo vantaggio paladino: 62-60 a 2 minuti e mezzo dal termine. La difesa paladina è strettissima e Archie dai liberi fa 1/2, ma i giallo-rossi vanno in black-out: non riescono più a segnare. Le triple di Archie e Mays fanno letteralmente esplodere il PalaFantozzi: l’Upea vince realizzando un parziale di 30-4. Ormai sono rimasti pochi secondi sul cronometro: i due punti sono dell’Orlandina, che torna prima in classifica e Portannese ci mette la firma con l’inchiodata che la chiude sul 74-62.

Coach Pozzecco a fine gara è visibilmente emozionato: “Nessuno amerà mai i giocatori per come li amo io. In una partita importantissima come questa non serve niente di tecnico: negli ultimi 7 minuti sono entrati in campo cinque leoni. E faccio ancora l’intellettuale, cito Aristotele: si fa la guerra per vivere in pace!”

Upea Orlandina Basket – Sigma Basket Barcellona 74-62 (20-24; 35-37; 44-52)
Orlandina: Soragna 4, Laquintana 5, Benevelli, Nicevic 6, Portannese 13, Mays 26, Archie 18, Ciribeni 2, Cefarelli, Busco n.e. Coach: Pozzecco.
Barcellona: Young 11 , Maresca 9, Natali, Collins 15, Filloy 8, Ganeto 9, Iurato, Di Giuliomaria, Fantoni 10, Pinton n.e. Coach: Calvani.
Arbitri: Boscolo, Gagliardi, Chersicla.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close