gallo_pp

Aquedolci: il movimento 5 stelle “bacchetta” il Sindaco Gallo e la sua amministrazione

gallo_pp
Gli attivisti del movimento 5 stelle di Acquedolci: Giuseppe Carone, Michele Longo e Rosario Miraglia, scendono in campo e si scagliano contro il Sindaco Gallo e la sua Amministrazione per le dichiarazioni rilasciate alla stampa in merito alle fatture Tares recapitate ai cittadini. “In riferimento alle dichiarazioni del Sindaco durante la conferenza stampa del 17 gennaio scorso”- scrivono- “non possiamo che evidenziare il carattere gratuito e immotivato di esse, visto che nell’occasione gli Acquedolcesi sono stati accusati di essere bugiardi ed evasori.

Qualche considerazione in merito ci sembra doverosa.

Innanzitutto vogliamo far notare, continuano i grillini nel loro comunicato, come sia falso che le tariffe sono rimaste invariate nei confronti della Tia 2012 visto che il cambio di percentuale tra utenze private e commerciali approvato in consiglio comunale del 03/12/2013, ha di fatto aumentato per la maggior parte delle famiglie, in alcuni casi, anche oltre il 100%, a differenza di quanto dichiarato dal Sig. Sindaco stesso in consiglio comunale.

Per cui il sindaco ha dichiarato il falso quando ha detto che il cambio di percentuale apportato avrebbe dato la possibilità alle attività commerciali di risparmiare e che l’aumento per le utenze private sarebbe stato irrisorio.

Pur ammettendo che il carrozzone Ato è stato imposto dalla regione vogliamo comunque sottolineare come il sindaco si contraddice nell’intera dichiarazione. Ricordiamo infatti che il piano Tariffario approvato dal Comune di Acquedolci per la determinazione delle tariffe Ato era di € 680.000,00, poi lievitato anno dopo anno fino ad arrivare alla somma esorbitante di € 1.200.000,00, non comportando l’aumento del 25% come da Lei dichiarato ma bensì dell 80%. Se quindi fosse vero che l’aumento sarebbe dovuto agli incrementi dei costi e che il problema non va ricercato nell’Ato, come mai ha dichiarato che in soli 3 mesi si ha avuto un risparmio di € 150.000,00?

Inoltre vogliamo ricordarLe che era Sua facoltà recedere dal contratto Ato per inadempienza come da noi consigliato nello scorso mese di aprile, questo si che avrebbe portato un risparmio per i cittadini Acquedolcesi. Ma ovviamente Lei con tutta l’amministrazione pur di non dover riconoscere i propri errori preferite danneggiare la cittadinanza per poi addirittura accusarla. Inoltre Vi facciamo presente che Le tariffe applicate ai contribuenti di Acquedolci vanno rideterminate in quanto il presupposto che li genera è la norma riportata nel decreto Salva Italia che stabilisce l’entrata in vigore dal primo giorno dell’anno successivo all’adozione del rispettivo regolamento comunale. È arrivata l’ora di assumerVi le Vostre responsabilità e di prendere a cuore le sorti di Acquedolci e degli Acquedolcesi. Quindi invece di minacciare di interrompere il servizio e di sanzionare chi lascerà rifiuti in giro (cosa comunque non giustificata) sospendete le bollette emesse con scadenza al 31/12/2013, ricalcolando le tariffe. Inoltre facendo riferimento alle Sue dichiarazioni chiediamo di spalmare il risparmio di circa € 150.000,00 alle utenze commerciali in modo da lasciare invariati sia gli importi per le utenze commerciali che per le utenze private. Sarebbe anche ora che i Sig. Consiglieri cominciassero a fare quello per cui sono stati votati, cioè l’interesse dei cittadini, quindi prima di votare una qualunque proposta “leggetela”, e caro Sign. Occhiuto Giuseppe (capo gruppo di maggioranza) riveda le Sue dichiarazioni, dove anche Lei afferma che non ci sarebbero stati aumenti”

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close