padre spiccia

S. Agata M.llo: Don Antonino Spiccia spegne 84 cartoline insieme ai suoi parrocchiani

padre spiccia
“E sono 84!” Così mi ha accolto lo storico arciprete di Sant’Agata Militello Padre Spiccia, visibilmente emozionato, che ieri ha festeggiato nel salone del Duomo di S.Agata Militello, il suo 84° compleanno.  Il doveroso tributo è stato organizzato dai suoi parrocchiani, dell’Arciprete Daniele Collovà e dei ragazzi che orbitano intorno al Duomo . Una festa semplice, dedicata ad un uomo semplice, che ha voluto ringraziare uno ad uno tutti gli intervenuti. Nonostante sia andato in pensione, l’ex Arciprete di S.Agata Militello, è rimasto nel cuore della gente, per i suoi modi sempre gentili, per la sua disponibilità, per il tanto bene fatto e per i molteplici progetti che ha supportato e finanziato in prima persona. Don Antonino Spiccia davvero commosso, acciaccato nel fisico , ma non nella volontà di impegnarsi per la comunità, che ha servito per più di 40 anni, dopo aver effettuato il taglio della torta, e ringraziato gli organizzatori,  ha spiritosamente commentato la poesia di una parrocchiana in rima baciata, che elencava in grande linee il suo apostolato presso la Chiesa Santa Maria del Carmelo. La promessa di festeggiamenti in grande stile per il prossimo anno sono stati egualmente accolti  dall’umile servo di Dio in maniera scherzosa “il problema è arrivarci”- ha ammesso sempre spiritosamente. “Mi sento un grande prete costretto in un piccolo formato”, mi disse  scherzosamente una volta per prendersi un po’ in giro, eppure la grandezza di questo arciprete è stata, ed è ancora, apprezzata da tutti i cittadini santagatesi che con i suoi insegnamenti ed il suo operato sono cresciuti .

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close