DSCN2864_inEVID

Naso: presentata l’Enciclopedia Multimediale Nasitana

DSCN2864_art

Sabato scorso 28 dicembre a conclusione dell’anno 2013 è stata presentata al cineauditorium di Naso la seconda edizione dell’Enciclopedia Multimediale Nasitana tra gli applausi del numeroso pubblico presente in sala.
DSCN2843
L’imponente opera realizzata da Calogero Calcerano e Giovanni Maneri, è una straordinaria raccolta per gli studiosi della storia di Naso, ricca di approfondite biografie complete e appassionate, notizie curiose, trame di opere, documenti, schede storiche e cronologiche.
DSCN2829
Dopo il successo di critica avuto dalla prima edizione dell’enciclopedia nasitana, nata nel 2008, un viaggio sensazionale nella storia di Naso attraverso l’arte, la religione, la letteratura, la politica, la scienza ed il folklore vissuti nel paese, il DVD ha riscosso grande successo con migliaia di copie richieste e distribuite in tutto il mondo trovando a pieno merito posto nella biblioteca dell’Università di Vienna. La seconda edizione è stata arricchita di altro materiale quale foto, libri, documenti e filmati trovati anche fuori dai confini italiani.
DSCN2841
L’opera, iniziata nel 1999 e conclusa nel 2013, su disco ottico di ben 8 giga, contiene i quattro DVD di storia nasitana: Viaggio multimediale a Naso – San Cono Abate – Libri su Naso – Le chiese rurali.
Composta da 40.000 pagine e da 280 libri che riguardano la città di Naso, l’enciclopedia è divisa in 70 sezioni che danno risalto alle vicende storiche del paese, agli avvenimenti, ai nasitani illustri, alla pittura, alle sculture, alle chiese, alle foto, ai filmati d’epoca, alla locale banda musicale, all’antico teatro, al castello, alle contrade e campagne e alle processioni locali.
hqdefault
Durante la presentazione del DVD sono state proiettate alcune scene di film girate a Naso tra cui la celebre pellicola “Perdutamente tuo… mi firmo Macaluso Carmelo fu Giuseppe” del 1976 diretto da Vittorio Sindoni. Giovanni Maneri ha posto particolare attenzione alle opere di Caravaggio nel periodo in cui si trasferì a Roma e lavorò presso la bottega del pittore Lorenzo Carli di Naso perchè dai documenti ritrovati pare la moglie di Carli, Faustina Juvarra, fosse stata la modella di alcuni dei più famosi quadri giovanili di Caravaggio, come la “S. Caterina d’Alessandria” e “Giuditta e Oloferne”.
Calogero Calcerano ha attenzionato la figura di Lucio Piccolo, che entusiasticamente parlava sempre di Naso, con l’ascolto di una sua poesia.

DSCN2837
Grande contributo è stato dato da Don Sirna e Palazzolo per la fornitura di testi e l’infaticabile ricerca per la conservazione nonchè preservazione del valore della cultura.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close