PALASPORT SANT’AGATA: “E’ TEMPO DI DARE RISPOSTE”


“Vogliamo proporre al Consiglio di assumere una posizione forte rispetto a quella che è diventata una vera e prorpria “FARSA”. E’ intollerabile che lo sviluppo di questo paese in un settore carente come quello sportivo, resti immobilizzato da un impresa privata che non si capisce ancora cosa abbia in mente e perchè non sia sollecitata adeguatamente a proseguire l’iter. Il Palazzetto è stato “venduto bene” in modo sleale agli elettori ed agli sportivi, ma ora è tempo di dare risposte anche se queste dovranno passare da soluzioni drastiche.” Queste le dure parole che accompagnano la mozione presentata dai consiglieri di opposizione di Sant’Agata Militello, Maniaci, Puleo e Carrabbotta. Dopo tre anni tutto fermo nonostante contratti stipulati, finanziamentio dell’opera (3 milioni di euro) e concessione al privato per 30 anni. Di seguito la mozione integrale dei tre consiglieri di minoranza.

Oggetto: Mozione inerente il Palazzetto dello Sport.
Premesso che la Provincia Regionale di Messina ha stipulato con l’impresa Eurovega Costruzioni un contratto per la realizzazione di un Palazzetto Sportivo Polifunzionale nel Comune di Sant’Agata Militello con l’apporto di capitale privato al finanziamento dell’opera;
Che la Provincia Regionale ha finanziato l’opera con un finanziamento di circa tre milioni di euro;
Che tale procedura prevede la realizzazione dell’opera e la gestione economica per 30 anni;
Che originariamente l’opera era localizzata in un’area adiacente all’Impianto Sportivo “Fresina” in località Piana, prevista dal vigente strumento urbanistico;

Considerato che nonostante siano trascorsi tre anni dalla stipula del contratto, i lavori non stati ancora avviati ed il procedimento si trova in uno stato di patologico stallo;
Di dover ribadire le perplessità già manifestate in passato circa la conformità urbanistica del sito indicato dall’Amministrazione Comunale, in considerazione della tipologia di opere insediabili nella zona prescelte e della mancata approvazione dell’apposito piano di lottizzazione come previsto dal vigente regolamento edilizio;
Che sono altresì emerse sul sito in questione delle criticità di carattere idrogeologiche dovute alla natura argillosa del terreno;

Ritenuto che  possa essere valutata la possibilità di impiegare utilmente le risorse a disposizione dell’Amministrazione Provinciale per la realizzazione di una struttura ridimensionata rispetto alle attuali previsioni progettuali, ma sufficiente a soddisfare le esigenze degli sportivi santagatesi;
Che l’iniziativa privata, seppur lodevole, non può condizionare la programmazione dell’Ente specie in tema di opere pubbliche;
Che la città e soprattutto la comunità degli sportivi non abbiano bisogno di una ulteriore struttura che di fatto è una struttura privata, ma merita una risposta politicamente seria in tema di impiantistica sportiva che finora questa Amministrazione non è riuscita ad offrire;
Che sia intollerabile assecondare ulteriormente questa situazione in cui l’opera  è ostaggio di un privato imprenditore e di una Amministrazione Provinciale accondiscendente ed incurante della programmazione locale;

Preso atto che la  Minoranza non ha mai ricevuto risposte esaurienti alle perplessità rilevate;
Che l’Amministrazione Comunale in questi anni ha posto scarsa attenzione alle strutture sportive delle quali non ne esiste una che oggi non presenti criticità;
Che lo stesso Presidente della Provincia non ha escluso in passato di rescindere il contratto in danno  all’aggiudicatario;
Che il progetto originario risulta munito di attestazione di conformità urbanistica ai sensi dell’art 154 della L.R. 1 Settembre 1993, n° 25;
Che lo stesso è stato visionato dalla commissione edilizia;
Che il Consiglio Comunale nel 2002 ha deliberato l’apposizione dei vincoli;
Che il sito originario non presenta problemi di natura geologica ed è funzionale alla realizzazione dell’opera per la presenza di spazi adeguati;

Si propone di approvare la presente mozione che impegna l’Amministrazione Comunale:
–  Ad invitare l’Amministrazione Provinciale alla rescissione del contratto con la ditta aggiudicataria dei lavori di realizzazione del Palazzetto dello Sport;
–  A richiedere un incontro urgente con il Presidente della Provincia con la partecipazione di quattro consiglieri comunali, per discutere dell’impiego delle sole risorse a disposizione dell’Amministrazione Provinciale per realizzare la struttura nel sito originario;
Si chiede iscrizione al primo Consiglio Comunale utile.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close