1483245_567447353345285_2077984703_n

Brolo: Magistro a Radio DOC: «Momento storico particolare, puntiamo a tutto»

1483245_567447353345285_2077984703_n

Sedici giornate sono trascorse nel Girone B del campionato di calcio di Eccellenza Siciliana, sedici giornate in cui la Tiger Brolo è sempre stata nelle zone altissime della classifica. Regina del mercato estivo ed invernale, regina sul campo, regina, si spera a Brolo, fino in fondo, alla ricerca di un traguardo mai raggiunto chiamato Serie D. Uno dei protagonisti nella costruzione della compagine giallonera affidata a mister Santino Bellinvia è certamente il direttore sportivo Antonio Magistro, che si è concesso ai microfoni di Radio DOC durante “Sport Park” nella serata di ieri.

L’obbiettivo dichiarato ad inizio anno dalla società del presidente Tripi era centrare i playoffs, in modo da migliorare il risultato ottenuto la scorsa stagione, dove si è comunque alzata la Coppa Italia d’Eccellenza Siciliana. Oggi, dopo la prima giornata di ritorno e con i “tigrotti” in testa, il ds non può più nascondere che l’asticella per la Tiger si è alzata: «Onestamente ad inizio stagione non credevamo di ritrovarci in questa posizione e soprattutto con questo vantaggio rispetto a delle squadre come Siracusa e Catania San Pio X che, per nostra fortuna, hanno incontrato parecchie difficoltà in avvio. Ci eravamo posti degli obbiettivi, adesso però puntiamo a vincere il campionato e ad andare in Serie D, inutile negarlo. Se possibile, vorremmo anche vincere nuovamente la coppa. La finale si giocherà a Brolo, è una promessa che abbiamo fatto al nostro presidente e vogliamo mantenerla. In questo momento non abbiamo la possibilità né la voglia di scegliere tra coppa o campionato, cercheremo di vincere più partite possibili in ogni competizione. Sollevare quella coppa a Leonforte è stata la mia gioia più grande da ds giallonero, sarebbe piacevole riassaporare quel gusto di vittoria, l’appetito vien mangiando».

Per competere su più fronti, la Tiger ha deciso di rinforzarsi ulteriormente durante il mercato di dicembre: «Questo è un momento storico particolare, vuoi perché l’anno prossimo ci sarà la riforma dei campionati, vuoi perché ci siamo resi conto di avere davvero la possibilità di compiere questa impresa. A fine novembre ci siamo guardati in faccia con tutta la dirigenza e abbiamo deciso di fare ulteriori sacrifici per migliorare una rosa già molto competitiva. Sono arrivati Di Napoli e Grippi per la difesa, Messina e Carrello per il centrocampo e Rametta e D’Agosta per l’attacco. Alcune sono state scelte obbligate dagli infortuni, come quelli occorsi a Kouadio, Falanca e D’Arrigo; D’Agosta sostituisce Buda, un ragazzo d’oro con cui però non c’erano più le condizioni per andare avanti serenamente dato che non poteva darci quello che ci aspettavamo da lui per motivi di natura extracalcistica; infine Rametta è la punta che il mister ci ha chiesto per avere maggiori soluzioni offensive. Non è ancora al top, ma sta lavorando intensamente per mettersi al pari dei propri compagni. La squadra adesso è al completo in ogni reparto e siamo decisi a raggiungere i nostri obbiettivi».

Si è chiuso parlando dell’importante gennaio che attende la Tiger: «Giocheremo il 4 di gennaio contro lo Scordia in campionato e l’8 di gennaio la semifinale di ritorno di coppa contro la San Pio X, con cui abbiamo perso 2-1. Sono due partite fondamentali per la nostra stagione, se riusciamo a vincerle entrambe possiamo dare una svolta alla nostra già strepitosa stagione. Fc Acireale e Taormina non molleranno ma arrivati a questo punto credo che il nostro futuro dipenda da noi. Sulla carta il nostro gennaio non è proibitivo, il calendario è favorevole e dobbiamo portare a casa il massimo da questo mese. Se in campo scenderà sempre la vera Tiger non avremo difficoltà ma non è così scontato. Il girone di ritorno di Eccellenza è molto più duro rispetto a quello d’andata, dobbiamo essere concentrati e dare sempre il massimo sia come squadra, sia come staff tecnico, sia come dirigenza. Solo così potremo coronare il nostro sogno che adesso si chiama Serie D».

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close