Poz_sindoni

C. d’Orlando: l’Orlandina, ancora senza Mays, è carica per il derby contro Trapani

Poz_sindoniL’Orlandina Basket affronterà domenica alle ore 18:00 al PalaFantozzi la Pallacanestro Trapani. Non sarà una delle gare più semplici per tornare a vincere dopo due sconfitte consecutive, la Lighthouse Trapani si trova infatti, come l’Orlandina, a 14 punti in classifica, ma i ragazzi di coach Pozzecco sono carichi ed avranno dalla loro il sostegno del pubblico paladino.

Il DS Giuseppe Sindoni apre la consueta conferenza stampa pre-gara fugando ogni dubbio sulla condizione del play americano Mays: «D’wayne ha un problema al piede di natura traumatica che risale a tre settimane fa. Il ragazzo ha giocato nonostante il dolore, ma dopo la gara di Trieste abbiamo deciso insieme a lui che si sarebbe fermato e sicuramente non sarà disponibile per le prossime tre giornate. Faremo il possibile per metterlo il prima possibile a disposizione di Gianmarco, ma non vogliamo rischiare: i tempi di recupero sono certi, serve solo del tempo. Su dodici partite credo che ne abbiamo giocate solo quattro o cinque al completo – continua Sindoni – e siamo riusciti a sopperire sempre alle defezioni. Per le sue caratteristiche Mays è un giocatore difficile da sostituire, ma non abbiamo mai pensato di intervenire sul mercato».

Coach Pozzecco concorda con Sindoni la lettura del momento dell’Upea: «Abbiamo la fortuna di avere tanti giocatori intercambiabili, solo con Mays facciamo fatica: D’wayne attacca spesso il ferro e riesce a battere l’uomo meglio di chiunque altro in squadra. È chiaro anche dalle statistiche, Mays finora ha tirato con l’80% da 2. Per la gara di domenica chiederò un ulteriore sacrificio ai miei ragazzi, dovranno sbattersi in difesa ancora di più – conclude Pozzecco –, Laquintana avrà a disposizione più minuti e dovrà sopportare la pressione della gara e Basile dovrà riprendere a fare il playmaker».

Lo starting five della Pallacanestro Trapani di coach Lino Lardo è composto da giocatori di talento, a partire dalla cabina di regia affidata a Kelvin Parker, dotato di un’ottima visione di gioco e tanti punti nelle mani (15 di media a partita). La guardia è l’americano Robert Lowery, atletico e veloce, specialista negli uno contro uno. Lowery segna 16 punti a gara ed è ottavo nella classifica della valutazione media di questa Adecco Gold con 19.8. L’ala piccola del quintetto granata è Giancarlo Ferrero, atleta dal buon potenziale offensivo, segna 12.3 punti a partita. L’ala grande è Patrick Baldassarre, dotato di grande furore agonistico ed intensità difensiva, molto migliorato tecnicamente negli ultimi anni, tira con il 50% dal campo. Il quintetto è chiuso da Andrea Renzi, che viaggia a 12.4 punti e 5.3 rimbalzi a gara. Dalla panchina granata si alzano Nelson Rizzitiello, cecchino dall’arco, Luca Ianes, lottatore, rimbalzista e gran difensore, gli under Bartoli e Bossi, esterni dal talento indiscutibile, ed il lungo Tabbi, in ripresa dopo il grave infortunio al ginocchio subito la passata stagione.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close