Sicilia: l?Ars approva l?esercizio provvisorio

Brolo: trasporto alunni, meglio tardi che mai. La Regione determina i rimborsi di tre anni fa.

Sicilia: l?Ars approva l?esercizio provvisorio
Eppur si muove. Un impercettibile segno di vita arriva dai meandri della Regione Sicilia, che finalmente, dopo 3  lunghi anni decide di erogare ai comuni che hanno prodotto istanza, le somme spettanti per il rimborso del trasporto alunni. Peccato che però si tratti di somme risalenti al passato triennio e il comune di Brolo salderà le spettanze per l’anno 2010/2011.

Enzo Di Luca, il vicesindaco brolese, appresa la notizia, la commentato “Questo è solo il rimborso anno 2010/2011. Un rimborso che rappresenta circa il 68% di quanto richiesto da quest’ente e che penalizza le famiglie e gli studenti.   Ed ancora ad oggi non si hanno notizie relative agli altre istanze prodotte, quelle che spaziano dal 2011 al 2013. Alla luce di questo stanziamento, ancora di fatto non concretizzatosi, penso si possano anche chiudere, alcune polemiche, non da parte dei genitori, che definirei strumentali  venute fuori all’inizio dell’anno scolastico su competenze numeri e pagamenti“.

Con il decreto di novembre, infatti, la Regione Siciliana ha provveduto alla rimodulazione della ripartizione della somma di €17.000.000,00 in favore dei Comuni che hanno presentato istanza al fine della concessione del contributo relativo al rimborso di parte delle spese sostenute per il trasporto interurbano degli alunni delle scuole medie superiori anno scolastico 2010/2011.

Una ripartizione che falcidia le somme richieste dai comuni – (Brolo per quell’anno aveva documentato spese per oltre 216.661,00 mila euro a fronte di un contributo ora concesso di 147.358,00 euro) – che sostituisce integralmente l’allegato “A” del D.D.G. n.207 del 5 agosto 2013. Gli importi individuati nell’allegato al provvedimento sono assegnati ai singoli Comuni pertanto il decreto è stato trasmesso al responsabile del procedimento per la pubblicazione dei contenuti sul sito istituzionale, ai fini dell’assolvimento dell’obbligo di pubblicazione on line, che costituisce condizione legale di efficacia del titolo legittimante delle concessioni ed attribuzioni di importo complessivo superiore a mille euro nel corso dell’anno solare. Quindi tutto l’incartamento sarà trasmesso alla Ragioneria Centrale dell’ Assessorato Regionale delle Autonomi e della Funzione Pubblica, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Regione, e quindi arriverà l’erogazione dei fondi ai comuni.

Un iter certamente ancora lungo che prevede mesi di attesa. Un iter che sicuramente non soddisfa le numerose famiglie che da anni attendono le somme anticipate e dovute.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close