Municipio

S. Agata M.llo: turbativa d’asta- assolti L’ing. Giovanni Amantea e Giovanni Calabrò

Municipio
L’ing. Giovanni Amantea, Dirigente dell’Ufficio Tecnico del Comune di Sant’Agata Militello e Giovanni Calabrò, dipendente del Comune nello stesso ufficio sono  stati prosciolti dal Giudice dell’udienza preliminare. Dr.ssa Pina Scolaro,“perchè il fatto non sussiste” si legge nella motivazione della sentenza . I due dipendenti comunali, denunciati dalla guardia di Finanza, erano stati accusati di turbativa d’asta aggravata in relazione ad un bando di gara per la riparazione e manutenzione degli automezzi comunali. Il fatto incriminante, risalente al 2009, riguardava una gara d’appalto per un importo di oltre 50.000 euro, le cui procedure non piacquero ad un meccanico del luogo, tale Ricco Rosario Tindaro, che chiese per iscritto al Sindaco di Sant’Agata Militello: la sospensione della gara e la nuova formulazione del bando penalizzante, a suo dire, per tutti i titolari di officine meccaniche che non avessero sede legale “nell’ambito del centro abitato e comunque a distanza non superiore ad un chilometro da esso”.  Proprio questa dicitura del bando, secondo gli inquirenti, rappresentava una evidente turbativa della gara, finalizzata ad escludere coloro che non fossero in possesso di quel requisito.  Gli avv.ti Giuseppe Mancuso ed Alessandro Nespola, hanno chiarito la perfetta buona fede dei due funzionari, comprovata dalla riapertura dei termini della gara, immediatamente dopo, la lagnanza, invitando il Sig. Ricco a partecipare, alla gara. L’infelice dizione relativa alla distanza dal centro abitato doveva considerarsi solo come un mero “lapsus calami” che peraltro non risultava riportato in nessun altro atto di gara.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close