urna02

S. Agata M.llo: visita dell’urna di Don Bosco presso l’istituto Zito di Maria Ausiliatrice

urna02
Ieri, davanti ad una folla gremita, che ansiosa attendeva il suo arrivo,  è giunta intorno alle 09.00 in piazza Duomo a Sant’Agata Militello l’urna contenente la reliquia di San Giovanni Bosco. Il santo che amò così tanto i giovani da fondare la congregazione dei Salesiani nel 1859.

urna 01

Egli andava quasi ogni giorno a visitarli in mezzo ai lavori, nelle botteghe e nelle fabbriche, e quivi rivolgeva una parola ad uno, una domanda ad un altro, dava un segno di benevolenza a questo, faceva un regalo a quello, e a tutti lasciava con una gioia indicibile. – Finalmente abbiamo chi si prende cura di noi! – esclamavano quei poveri giovanetti. (MB II, 94)

urna 06

E la storia per fortuna si ripete. Lui viene a noi e non noi da Lui. Così ha insegnato Don Bosco. Era lui che si scomodava, usciva per le strade, usciva raggiungendo i posti di lavoro, i luoghi d’incontro, le case dei ragazzi e diventava un esperienza che rinnovava il cuore.  Così ancora oggi don Bosco viene da noi. Viene nelle nostre realtà salesiane sparse su tutto il territorio nazionale. Verrà e sarà lui a prepararci al suo compleanno. Ci preparerà reinsegnadoci l’identità salesiana: la passione per Dio che lo ha portato ad essere appassionato dei giovani, dei ragazzi, dei più poveri. Verrà – e come ha fatto per le strade di Torino, per le strade d’Italia sino al 1888 – verrà e ci chiamerà ad uscire dalle nostre cose, dalle nostre piccole misure, dalle nostre sicurezza per entrare come protagonisti nel grande e inesauribile sogno di Dio. Un sogno che non lascia tranquilli i santi, che li accende, che li rende presenti ovunque: che TUTTI siano salvi, o come diceva “felici nel tempo e nell’eternità”.

urna 04

La visita della reliquia a Sant’Agata Militello, presso l’istituto Salesiano delle Figlie di Maria Ausiliatrice (che tanto bene fanno, oggi come in passato alla comunità santagatese) rientra in questo programma di visita planetario, voluta proprio in occasione dei 150 anni della fondazione della congregazione Salesiana. La teca, realizzata in vetro, è partita dalla basilica di Maria Ausiliatrice di Torino e sta girando i cinque  continenti, toccando i 130 paesi del mondo in cui è presente il carisma salesiano.

urna 03

Il bicentenario della nascita di San Giovanni Bosco, cadrà il 16 agosto 2015.  L’urna è stata accolta da Padre Daniele Collovà, arciprete della Chiesa Madre di Sant’Agata Militello, e dal sindaco Carmelo Sottile, dopo il saluto delle autorità con una breve processione i fedeli hanno accompagnato la teca all’interno del cortile dell’Istituto Zito, dove è stata accolta dai ragazzi con canti e balli. Si ci è poi spostati all’interno del Palauxilium, dove è stato possibile per i fedeli avvicinarsi alla teca per rendere omaggio alle spoglie del Santo.

urna 05

Sempre all’interno del Palauxilium, gremito di gente, è stata celebrata la Santa Messa, officiata da S. E. Mons. Ignazio Zambito, vescovo della Diocesi di Patti, e concelebrata dai parroci delle varie parrocchie. Presenti alla solenne celebrazione i Sindaci dei comuni della diocesi, il presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci, assessori e consiglieri del comune di Sant’Agata Militello e le più alte cariche delle forze armate.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close