Inferrera

Capri Leone: Inferrera a Radio DOC: «Rocca una famiglia, salvezza solo il primo passo»

Inferrera

Nel campionato di calcio di Eccellenza Girone A c’è una squadra messinese che sta facendo, un po’ a sorpresa, la voce grossa: è il Rocca di Capri Leone di mister Bongiovanni, che dopo dieci turni è al secondo posto in graduatoria a due soli punti dalla capolista Kamarat. I biancazzurri sono reduci da un grande successo per 5-1 contro l’Alcamo e possono vantare la miglior difesa del torneo, con sole 5 reti al passivo. Ultimo baluardo di questa strepitosa retroguardia è il portiere Giovanni Inferrera, che nella serata di ieri ha parlato proprio della compagine dei “leoni” durante “Sport Park”, rubrica di approfondimento sportivo in onda ogni lunedì alle 19 sulle frequenze di Radio DOC.

«Questo è il mio primo anno a Rocca ma ho capito che questa è davvero una famiglia e sono felicissimo di aver preso questa scelta – spiega Inferrera, che ha nel suo passato Orlandina e Due Torri -. Tutti qui sono molto umili, dal mister alla società, ed in questo ambiente mi trovo alla grande. Pensiamo sempre a lavorare e a cercare di raggiungere i nostri obbiettivi con il massimo sforzo e fino ad oggi le cose sono andate bene. Qualcuno parla di fortuna ed in effetti all’inizio forse abbiamo raccolto più di quanto meritavamo. La squadra, però, è cresciuta tantissimo in questi mesi e credo che il secondo posto di oggi sia assolutamente meritato».

Ma qual è il segreto di questo Rocca? «Il gruppo – risponde l’estremo difensore – e il duro lavoro che svolgiamo con il nostro allenatore. In questa squadra non ci sono fenomeni, solo tanti ragazzi che danno il loro 100% e questo fa la differenza. Chiaramente bisogna avere anche dei giocatori importanti e noi abbiamo dei leaders come Regina e Craccò che ci aiutano tantissimo da questo punto di vista. Vedere loro allenarsi è un esempio per tutti, soprattutto per i più giovani. Il nostro obbiettivo ad inizio stagione era dichiaratamente la salvezza, ma noi giochiamo ogni partita per vincere e se a fine anno ci ritroveremo in alto perché mai dovremmo tirarci indietro?! Io sono ambizioso e voglio raggiungere delle categorie più importanti dell’Eccellenza. Mi impegno ogni giorno per questo ed è il mio più grande stimolo. Ognuno di noi deve avere dei traguardi da raggiungere, spero di riuscire nel mio intento e se non ci riuscirò vorrà dire che non sarò stato bravo abbastanza».

La gara contro l’Alcamo ha sì portato tre punti e tante convinzioni ai biancazzurri, ma Inferrera ha subito il primo gol tra le mura amiche e questo neo disturba non poco il miglior portiere del campionato: «Ammetto che mi brucia tantissimo. Purtroppo è capitato, per fortuna non ha influito sul risultato ma sicuramente era un record che volevo tenere ben stretto. Tutto sommato sono comunque contento di come sta andando il mio campionato dal punto di vista personale e per questo devo ringraziare i miei compagni di difesa e non solo, perché tutta la squadra sta facendo un grande lavoro in fase difensiva».

La discussione si è chiusa parlando proprio della sfida contro i bianconeri alcamesi e del prossimo impegno del Rocca contro l’Atletico Campofranco: «Vincere 5-1 con l’Alcamo è stato un evento imprevisto ed imprevedibile, perché non abbiamo battuto una squadretta ma una compagine molto attrezzata. Siamo stati bravi a dar loro il colpo del ko immediatamente, ottenendo un successo importante. La prossima gara sarà molto dura, il Campofranco è in ripresa e noi saremo senza lo squalificato Regina, ma sono certo che chi lo sostituirà farà benissimo. Il Rocca è un gruppo unito e composto da veri amici, per questo continueremo a fare così bene».

Una difesa granitica, un gruppo coeso e un grande portiere: queste le armi in più del Rocca di Capri Leone, la matricola terribile del Girone A di Eccellenza che vuole continuare a stupire.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close