LA SCIENZA APPRODA A CAPO D’ORLANDO


Martedì, 22 novembre, alle ore 18,30, l’aula consiliare “Falcone e Borsellino” di Capo d’Orlando, ospiterà un ricercatore della Oxford University, lo scienziato Roi Cohen Kadosh, che presenterà il risultato di una sua ricerca. Si tratta di un’ulteriore iniziativa di carattere scientifico e culturale dopo gli incontri con Klaus Werner Lobo (autore de “Il libro che le multinazionali non ti farebbero mai leggere”) e con Piergiorgio Odifreddi (autore di “Hai vinto, Galileo!”). Roi Cohen Kadosh, ricercatore della Oxford University, ha messo a punto  un metodo noto come TDCS (transcranial direct current stimulation),  con il quale, attraverso l’elettrostimolazione celebrale si ottengono effetti positivi sulle abilità matematiche. Si tratta di una tecnica non invasiva che, attraverso una cuffia, trasmette corrente elettrica nel cranio per aumentare o diminuire l’attività dei neuroni per circa 15 minuti. Pare che questa ricerca quindi, sia in grado di aiutare le persone affette da discalculia, l’equivalente matematico della dislessia che colpisce circa il 6% di tutti i bambini, e che comporta l’incapacità di eseguire calcoli a mente, contare, memorizzare tabelline. Inoltre, l’elettrostimolazione sembra dare risultati positivi anche per la cura di patologie neurodegenerative come Alzheimer e Parkinson. Grazie al consigliere Carmelo Galipò, mente dell’iniziativa, e soprattutto al dott. Roi Cohen Kadosh, che ha accettato il suo invito, Capo d’Orlando sarà un’importante vetrina per la  diffusione di una ricerca che nel tempo potrà dare risultati significativi nella battaglia contro malattie oggi incurabili.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close