DSCF0187

La tua opinione: “Puliamo il monte” grazie di cuore

DSCF0187
Domenica 20 ottobre L’Associazione ”Paese Parallelo” proseguendo con  le sue iniziative ha organizzato la giornata: ”Puliamo il monte”. Ore 8,30  raduno dei volontari per affrontare un itinerario discusso, concordato e programmato,  l’intenzione è quella  di  rendere un piccolo ma utile servizio alla Comunità.

Nessuna pretesa di spacciare  un semplice gesto come fervente atto devozionale,  semplicemente un segno di buona volontà, lo sforzo per la   ricerca e l’attuazione di una rinnovata metodologia di intervento, quasi una costruttiva “spina nel fianco”per evitare  inopportune“SVISTE” e “DIMENTICANZE”.

DSCF0209

Un percorso  affrontato  con entusiasmo perché finalizzato al raggiungimento di un preciso obiettivo. Un atteggiamento di  razionale salvaguardia nella consapevolezza che il futuro è affidato alla responsabilità e a tutti coloro che le sono amici. Mi piace a questo proposito precisare che le cappe di piombo che incombono ancora sui nostri tetti e sulle nostre teste  sono  frutto di modi e metodi  di gestione remota del territorio e di progettazione inadeguata che nessuno mai si è sognato di difendere.

DSCF0180

Al Belvedere la pulizia della “villetta” si presenta piuttosto faticosa, ovunque ci sono tracce di vita vissuta: frammenti che raccontano storie, resti, rimasugli,  non sempre riconducibili “all’amore” e non per forza sporcati dal “disamore”. Certo, le borse di plastica gettate  al volo nel dirupo con furtiva violenza, hanno di sicuro spezzato esili rami, ma per fortuna non hanno estirpato le radici che  riusciranno ancora a generare nuova linfa vitale.

DSCF0212

Rimescolare tra i rifiuti non basta, occorre separare, dividere e “DIFFERENZIARE” poiché questo restituisce senso ad un itinerario che non intende fermarsi alla raccolta o alla pulizia come fatto “STRAORDINARIO”per cui la devota Comunità deve ringraziare, ma intende essere l’inizio di future e continue  “COLLABORAZIONI”per riuscire veramente ad  attivare   “ecosistemi urbani” rivolti alla “RIDUZIONE”, al “RIUSO”, al “RICICLO” e al “RECUPERO”, nel rispetto dello slogan che “monnezza è ricchezza”… per la collettività.

Domenica è stata una splendida giornata ottobrina caratterizzata da un caldo fuori stagione, si sarebbe potuto scegliere il mare,  una bella gita in barca, un emozionante snorkeling o una bella passeggiata in bici, o ancora andare per centri commerciali, un bel salto all’IKEA e invece…un gruppo di “VOLONTARI”, decide di spendere il proprio tempo in modo un pò più proficuo e mette in moto un meccanismo, per produrre un “FORMAT” mirato a migliorare la   qualità della vita a costo zero.

DSCF0209

A volte unione ed organizzazione riescono a creare effetti imprevedibili ed inoltre lavorando in gruppo  il tempo passa piacevolmente in fretta e si avverte anche molto meno la fatica. Completata la pulizia del Belvedere, mirabile luogo dove rimane  possibile recuperare la dimensione del sogno, ma  dove purtroppo, resta ancora molto da fare, comincia la sistemazione dei cestini, graziosi e soprattutto utili; sembrano piccoli oggetti di design, custodiscono nel loro fondo  passione e  spirito di sacrificio e sono anche metafora di un bel messaggio che non ha bisogno di ridicole e superflue raccomandazioni.

Preparati con cura da Carmelo Sonsogno, sensibile  coordinatore della giornata, nonostante vengano fissati lungo la scalinata, rimangono opportunamente liberi di sventolare, lanciando il loro positivo segnale. Salire fino in cima e guardare lo spazio sottostante mi fa ricordare  qualcosa che ho letto … ”vivere nel rischio significa saltare da uno strapiombo e costruirsi le ali mentre si precipita” (Ray Bradbury). Penso sia un buon sistema per imparare a volare e per non smettere di sognare.

Non manca certo lo spunto per una riflessione: recuperando risorse si offrono anche speranze … a pensarci bene la strada fra Abu Dhabi e Dubai molti anni fa era solo un arido deserto di sabbia … di sicuro  non è auspicabile la ricerca dell’opulenza e  qui  tra l’altro manca anche il petrolio, ma guardando il panorama dal Monte penso che in questo paese non sarebbe neanche necessario … scavare.

Scendere la scalinata è certamente più semplice ed agevole e non solo dal punto di vista fisico … l’entusiasta condivisione a volte riesce a togliere certi pesi dal cuore, ricucendo  strappi che risulta difficile rammendare in solitudine ed infatti,  citando un famoso libro: “nessuno  si salva da solo”.

Un grazie di cuore a Carmelo, Angiolella, Aldo, Sebastiano,  Salvatore, Giuseppe,  Pippo, Carlos, , Daniele, Cristian, al “VECCHIO” Enzo e tanti altri ancora…non solo per la giornata ma soprattutto per l’amicizia e l’affetto.   Chiudo rivolgendo un pensiero ad alcuni tra i miei più cari amici  e tra loro non a caso scelgo il nome di Cono Russo, la sua presenza è stata molto importante per tutti perché  spesso il  “… il sentimento indica la direzione e la ragione fornisce i mezzi con cui la volontà può raggiungere lo scopo”. (L.Tolstoj)

Maria Grazia Librizzi.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close