foto(11)

Naso: pericolo esondazione torrente Naso, inascoltato l’allarme lanciato dal Sindaco – Le immagini

foto(3)

Nella giornata di mercoledì 23 ottobre sono inziati i lavori di manutenzione straordinaria per ripulire il letto del torrente Naso e permettere il normale scorrimento delle acque sino a mare.
A condurre le indagini e l’inizio dei lavori il Comune di Naso effettuando verifiche idrauliche e calcoli idrogeologici lungo tutto il “Torrente Naso”, a fronte dei quali è emerso con inquietante evidenza che, per tutto il tratto d’alveo che attraversa il comune, a fronte di una portata di 437 mc/sec. può defluire una portata d’acqua di soli 288 mc/sec.

foto(2)
La situazione venutasi a determinare, a causa del generale stato di abbandono in cui versa il Torrente Naso, provoca non pochi problemi e spesso danni per gli abitanti residenti, per gli operatori economici nonché per le migliaia di automobilisti che quotidianamente percorrono la S.P. 146bis Ponte Naso – Sinagra. Da oltre vent’anni infatti, si legge nell’ordinanza sindacale, non è stato fatto alcun  intervento di manutenzione ordinaria e/o straordinaria lungo questo corso d’acqua, causando così il deposito di materiale detritico tra una briglia e l’altra fino all’interramento delle stesse nei tratti a maggiore trasporto solido, nonché lo sviluppo di una folta vegetazione (arborea, arbustiva ed erbacea).

foto(4)

Questo ha determinato negli anni un accumulo incontrollato del materiale solido che ha fatto innalzare la quota del letto della “Fiumara” ed il livello di scorrimento del fiume risulta ad oggi essere più alto delle proprietà private e dei nuclei abitati siti in prossimità delle sponde del torrente.
Tale situazione di criticità e preoccupazione aveva indotto la popolazione residente ad una spontanea iniziativa di protesta che, il 19.12.2011, aveva trovato il suo culmine con la sottoscrizione di una petizione popolare diretta a sensibilizzare le Autorità competenti; a nulla sono valse anche le proteste che si sono aggiunte da parte dell’amministrazione comunale sino ad oggi.

foto(5)

“Attualmente” spiega il sindaco sempre nell’ordinanza “deve ritenersi senz’altro concreto il rischio di esondazione del “Torrente Naso” in caso di portata di piena, con grave pregiudizio e danno per la pubblica e privata incolumità, specie nei punti dove l’alveo si presenta sovralluvionato ed ostruito dalla vegetazione; e che” continua il sindaco “nella qualità di Autorità locale di Governo, ho più volte richiesto all’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente, all’Assessorato Regionale Infrastrutture e Mobilità, alla Provincia Regionale di Messina, all’Ufficio del Genio Civile di Messina, al Dipartimento Provinciale di Protezione Civile, all’Ispettorato Dipartimentale delle Foreste di Messina, di effettuare gli interventi urgenti di manutenzione dell’asta torrentizia, previa rimozione dei detriti alluvionali e pulizia dell’alveo mediante abbattimento di tutti gli alberi presenti nel letto del fiume e contestuale discerbamento del letto del fiume”.

foto(6)
Nonostante le reiterate richieste d’intervento, queste non hanno avuto alcun esito e costringono il comune a sobbarcarsi costi e spese per affidare ad una ditta specializzata, in movimento terra e materiali inerti, i lavori limitatamente alla tratta torrentizia in prossimità delle due passerelle in cemento rotocompresso che collegano le due sponde idrauliche, rimuovendo tutto il materiale detritico alluvionale che ostacola il libero deflusso delle acque, con un ulteriore intervento di taglio della vegetazione arborea e della vegetazione infestante.

foto(7)
Il “Torrente Naso”, ricadente nel territorio del Comune di Naso per circa 7 Km, è un fiume che nasce dalle pendici della dorsale Monte Caci (mt. 1367), Serra Baratta (mt. 1.395) e Monte dell’Orso (mt. 1.430), avente una lunghezza di circa 25 Km, ed è compluvio dei territori dei comuni di Ficarra, Sinagra, Ucria, Castell’Umberto e Floresta.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close