20131012_153109

C. d’Orlando: Virtus a due facce, la Sfarandina cede nella ripresa

20131012_153109

Vince e convince ma a metà la Virtus Capo d’Orlando di mister Bonfiglio, che al “Ciccino Micale” batte la Sfarandina in una gara dai due volti nell’anticipo della quarta giornata del campionato di Prima Categoria Girone C.

I paladini, orfani di Neri e Drago, si affidano a Li Puma in avanti, sorretto dalla coppia M. Lombardo-Corvetta. Risponde la Sfarandina di mister Conti con Carcione in avanti e con tre rifinitori: Mignacca, Salpietro e il giovane Sinagra. Arbitra la partita il signor Cilio di Palermo.

Partono forte gli ospiti che al 6′ con Carcione sfiorano il gol dopo una bella imbeccata di Mignacca, l’estremo difensore locale Galvagno salva tutto coi piedi. Risponde la Virtus con La Face all’8′, ma l’esterno spara fuori da posizione favorevole. I locali iniziano a prendere la gara in mano ma si rendono pericolosi solo da fuori. Al 35′ Li Puma ha la palla buona dopo un bell’assist di La Face ma l’attaccante conclude con poca convinzione in rovesciata, spedendo la sfera alta sopra la traversa. Nel secondo dei 4′ di recupero concessi dal signor Cilio, M. Lombardo impegna il portierino ospite Galati con una bordata da fuori, sul pallone si avventa Li Puma che però si coordina male e mette a lato. La dura legge del calcio è quindi inesorabile. Sul capovolgimento di fronte, infatti, l’ottimo Sinagra va via sulla sinistra, entra in area e incrocia bene sul palo lungo dove Galvagno non può arrivare, 0-1 Sfarandina e Virtus negli spogliatoi sotto nel punteggio.

La ripresa vede i padroni di casa molto più convinti. Dopo un paio di conclusioni da fuori di Corvetta e Li Puma, i ragazzi del presidente Giarrizzo trovano il pari con Valore al 62′. Il capitano orlandino si fa trovare da M. Lombardo nell’area piccola sugli sviluppi di un calcio d’angolo e di rapina insacca il punto del pareggio. Un minuto più tardi, reazione della Sfarandina con Salpietro dalla destra, Galvagno ci mette una pezza. Al 65′ la Virtus trova la rete del vantaggio. Lancio in profondità per il neo entrato Mannino che, entrato in area, beffa in uscita Galati con un delizioso pallonetto che vale il 2-1. Al 74′ nuova opportunità per Mannino che si presenta a tu per tu con Galati ma, invece di servire il liberissimo Li Puma, la giovane ala spreca calciando addosso all’estremo difensore avversario. Al 78′ Galati, che si era ben comportato fino a quel momento, si fa sorprendere da una conclusione dalla distanza non proprio irresistibile di Corvetta, che realizza così il gol del 3-1. All’83’ c’è gloria anche per Li Puma, che in contropiede si fa 50 metri palla al piede e batte l’incolpevole Galati, siglando la prima e meritata marcatura personale in campionato.

Finisce dunque 4-1 per la Virtus, che sale a quota 7 in classifica e che può guardare al futuro con il sorriso grazie ad un ottimo secondo tempo dopo una prima frazione di gioco senza infamia e senza lode. Sconfitta pesante per la Sfarandina, che resta nei bassifondi della classifica con un solo punticino racimolato durante il torneo.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close