greco 2

C. d’Orlando: residenza d’artista in Belgio per l’architetto-artista orlandino Giuseppe Greco

greco 2
…“L’arte genera arte” Un binomio imprescindibile per l’architetto-artista orlandino Giuseppe Greco che in soli due anni è riuscito a tracciare dietro di se un percorso culturale interdisciplinare di tutto rispetto, contrassegnato da una mostra personale, itinerante, che sta girando l’isola dal titolo “Gli Occhi della Sicilia”, partita da Capo d’Orlando lo scorso 13 dicembre 2012. Le sue opere la quale arte “si inoltra nell’annullamento delle forme e delle geometrie ribelli al segno” (Roberto Pazzi); sono state esposte a numerose collettive, rassegne d’arte, sia in Italia sia all’estero (New York – Barcelona – Brasov); ha partecipato a concorsi d’architettura, di design; ha vinto premi di disegno e di pittura; ha partecipato alla I Biennale internazionale d’arte di Palermo riscuotendo ampi consensi dagli addetti ai lavori. Ha esposto di recente alcune delle sue pitture ai Cantieri Culturali della Ziza. Non ultimo il coronamento di un suo sogno nel cassetto, occuparsi di scenografia. Recente è infatti il successo del Recital “L’amore all’inferno” tre monologhi di Cetta Brancato per la regia di Antonio Raffaele Addamo, su musiche originali del Compositore palermitano Marco Betta, messo in scena al Teatro Massimo di Palermo (Sala degli Stemmi) il 21 settembre di quest’anno in occasione della Settimana delle Culture promossa “Comitato Insieme per Palermo” e dall’Assessorato alla Cultura del Capoluogo siciliano. Dove l’artista Greco ha dipinto le tre scene. Lo specchio – Il velo – La scure. Ora lo aspetta l’Europa, il Belgio esattamente. Forse il bisogno di rigenerarsi dopo tante fatiche? Oppure di confrontarsi realmente a muso duro, con l’Arte di altre realtà? Scrutare con altri “Occhi”?

greco

L’artista Giuseppe Greco sarà ospitato nello studio d’arte di Patrick Ysebaert a St. Lucas di Gent (nelle fiandre) dal 13 al 20 di Ottobre 2013, allo scopo di produrre, di dibattere, egli sarà ospite di un seminario che si terrà su Ysebaert presso il L’Istituto d’Arte di Gent dove Patrik ha insegnato per oltre trent’anni. L’Arte genera arte, dunque! L’iniziativa è stata promossa dalla scultrice Jeannine Van Landschoot moglie del compianto artista belga scomparso nel 2010 a pochi giorni dalla sua consacrazione alla Biennale di Venezia. Un premio quello di Giuseppe Greco che nasce all’indomani della sua vittoria al premio Patrick Ysebaert 2013 nella sezione pittura con il dipinto “Un occhio attento nel libro della vita” svoltosi a Salemi il 29 maggio scorso. Che vedrà il suo coronamento con questa singolare esperienza in residenza d’arte tra le tele, ed i colori di Patrick.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close