poliziaa

Patti: truffe on line su valutazioni d’auto

auto-polizia
Aveva chiesto su Internet la valutazione di un’auto, ma in realtà si è trovato nel bel mezzo di una truffa on line. A scoprire questo sistema di raggiri è stata la polizia di Omegna che ha portato così alla luce una piccola organizzazione che agiva in Sicilia ma si muoveva anche all’estero.

Un’organizzazione composta da quattro persone, tre italiani e un giovane polacco, denunciati alla procura di Patti competente sul caso. Per R.G. di 54 anni, C.G. di 48 anni entrambi del comune pattese  e per C.S., 38 anni, e il polacco S.M., 23 anni, di Messina l’accusa è di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di truffe consumate e tentate in ambiente Internet.

L’indagine è partita dalla segnalazione di un verbanese, che ha raccontato di aver chiesto su un sito Internet specializzato la valutazione di un’auto. Il costo doveva essere solamente quello di un sms che gli è arrivato il giorno successivo, con la valutazione dell’auto a un valore di 3 mila euro. Dopo qualche giorno però ha ricevuto a casa anche un attestato sottoscritto dallo staff del sito Internet, con una fattura di 60 euro come costo indicato per il servizio di valutazione e poi altre due fatture, una da 100 e una da 300 euro.

Da lì è iniziato il lungo lavoro di ricerca da parte del commissariato omegnese, che ha ricostruito un sistema di truffe che funzionava in tutta Italia ed era molto articolato, utilizzando sempre lo stesso schema di cui è rimasto vittima anche il cliente verbanese. Il sito risultava gestito da una società con sede legale negli Stati Uniti e l’ufficio di rappresentanza era invece collocato a Patti. Le fatture e il flusso di denaro hanno portato a un ufficio postale di Patti ma anche all’estero, a uno studio legale in Estonia. Dopo aver ricostruito tutto il percorso sono scattate le denunce.

 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close