pannelli solari

Torrenova: tra le prime 11 in Italia per installazione di pannelli solari. Un traguardo invidiabile.

pannelli solari
Il Comune di Torrenova è all’undicesimo posto in Italia nella speciale classifica in termini di diffusione del solare termico. Grazie a questa affermazione l’intera Provincia di Messina guadagna un posizione rispetto al 2012. Il dato è stato diffuso questa mattina dal “Sole24ore” che ha pubblicato l’elenco dei primi 50 comuni “del solare termico” (di seguito riportata). In pratica quei paesi che offrono le maggiori potenzialità termica grazie all’installazione dei pannelli solari. Quindi Torrenova è tra le prima città italiane a vantare un numero elevato di metri quadrati utilizzati per le installazioni di pannelli solari. Il comune guidato da Salvatore Catrovinci, infatti, vanta 781.3 mq. ogni 1000 abitanti.

Secondo questo studio i risultati evidenziano in maniera inequivocabile quali esempi virtuosi sono da elogiare, con continua crescita su tutto il territorio nazionale.

tabella-50-comuni-solare-termico-400

La novità rispetto agli anni passati è costituita dalla presenza in classifica in termini di diffusione del solare termico di città del Centro-Sud come: Messina che grazie al Comune di Terranova acquista una posizione rispetto al 2012 raggiungendo solo l’undicesimo posto mentre Salerno con il Comune di Casaletto Spartano figura al ventiduesimo. Tra i primi dieci comuni si trovano le città di Trento e Bolzano. Infatti, coprono 5.209 mq i pannelli nel Comune di Bolzano seguito da quello di Mestrino a Padova e dal Comune di Trento rispettivamente con 5.000 e 4.932,1 mq. Il piccolo Comune di Don ha la maggiore diffusione di pannelli solari termici in relazione al numero di abitanti (3034 mq ogni 1.000 abitanti) seguito da Seneghe (1954 mq ogni 1.000 abitanti) e dal bolzanino Terento (1.046 mq ogni 1.000 abitanti su un totale di 1.800 mq). Ad oggi i comuni che hanno raggiunto il target europeo, anche attraverso l’aiuto della pubblicazione di bandi pubblici, sono in tutto 69.

Il rapporto di Legambiente individua 50 Comuni in più rispetto al 2012 che hanno realizzato impianti a solare termico in tutte le strutture edilizie pubbliche. Ad utilizzare pannelli solari per le esigenze termiche di scuole, uffici, palestre e piscine comunali sono in tutto 498 Comuni con un incremento del 6% rispetto al 2012 per un totale di 42.786 mq. Tra i dieci comuni virtuosi si trovano Fontevivo a Parma, Roma eCatania. Dal primo giugno 2012 per le ristrutturazioni “non leggere” e per i nuovi edifici gli impianti devono essere progettati con energie rinnovabili per una copertura almeno del 50% dei consumi di acqua calda sanitaria, riscaldamento e raffreddamento. In Emilia Romagna oltre al 50% di acqua calda prodotta con energie rinnovabili è prevista anche una copertura del 35% con energia termica che a partire dal 2015 raggiungerà il 50%. Il Comune di Carugate a Milano che ha introdotto l’obbligo nel 2003 rappresenta una ltro successo importante con 750 mq di impianti termici solari mentre il Comune di Bologna spinge il solare attraverso l’applicazione “Bologna Solar City”che effettua una mappatura di tutti i tetti solarizzabili della città. Invece, tra i Paesi europei l’esempio più noto è quello di Barcellona dovel’Ordenanza Solar nel 2000 è stata decisiva per passare dai 1650 mq ai 90 mila mq odierni.

Le casse comunali colgono dalla solarizzazione oltre ai benefici ambientali anche grosse occasioni di risparmio. Ha risparmiato 9 mila euro all’anno il Comune di Piacenza che ha installato pannelli termici ad un costo di 130 mila euro. Virtuoso anche il Comune di Jesi ad Ancona che ha pubblicato due bandi pubblici per l’assegnazione dei contributi: con un fondo di 350 mila euro sono stati finanziati 27 impianti fotovoltaici e 12 solari termici. Un altro esempio virtuoso sono i pannelli calpestabili realizzati in un appartamento nel Comune di Cuneo per il quale sono stati investiti 3.850 euro da pagare in quattro anni; l’impianto è composto da 22 piastrelle in un’area di 3,52 metri che soddisfa il 60% del fabbisogno energetico termico facendo risparmiare alla famiglia circa 223 euro all’anno.

Per il report di Legambiente sono 6.260 i comuni italiani in cui sono stati installati pannelli solari per la produzione di acqua calda nelle strutture sanitarie e di questi 4022 sono piccoli comuni con 5 mila abitanti. Nel censimento del 2013 non c’è un aumento dei comuni rispetto al 2012 ma risultano in aumento gli impianti termici. Il parametro europeo prevede installazioni di 264 mq ogni 1.000 abitanti da raggiungere nei Comuni entro il 2020. Un ruolo importante per la crescita di questa tecnologia è dato alla detrazione fiscale del 55% che permette alle famiglie italiane di risparmiare sull’installazione dei pannelli termici oltre che sulla bolletta. I dati di European Solar Thermal Industry Federation (Estif) rilevano che in Italia c’è una media di circa 0,51 mq per abitante. Un dato decisamente basso se confrontato con quello dell’Alta Austria pari a 0,7 mq; una zona a nord dell’Austria che nel 2030 ha come obiettivo 1 milione di mq di pannelli solari termici.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close