L’UPEA SOFFRE MA VINCE


Continua a difendere l’imbattibilità al PalaFantozzi l’Upea, che ha affrontato ieri pomeriggio la Romana Chimici Anagni. Dopo aver osservato un minuto di silenzio in memoria del dirigente Silo Conforto, i paladini entrano in campo con il quintetto iniziale formato da Alessandri in cabina di regia, Zanelli, Crow, Benevelli e Damiani. Manca in panchina Gionata Zampolli a causa di un problema alla caviglia, sostituito da Thomas De Min, rientrato dopo l’infortunio alla mano destra durante l’allenamento del 6 ottobre. Nel primo quarto, chiuso sul 15-21, l’Orlandina è costretta ad inseguire l’Anagni, guidata dal suo miglior realizzatore, Riccardo Santolamazza. Nel secondo periodo l’Orlandina recupera il breve distacco dalla formazione ospite, portandosi in vantaggio sul 24-23 e chiudendo, dopo una tripla allo scadere di Malamov, sul 30-29.

Upea - Anagni (foto di Daniele Collovà)

Il terzo quarto si gioca su un botta e risposta equilibrato tra il duo Malamov-Pozzi e Crow e compagni. Anagni rientra dal riposo lungo con una zone-press che mette in difficoltà l’Upea, che riesce a rispondere con l’esperienza di Albertinazzi e Zanelli. Nell’ultimo parziale i paladini riescono anche a portarsi in vantaggio di 10 punti, sul 56-46, e commettono l’errore di allentare troppo la presa. Infatti agli spettatori del PalaFantozzi attende ancora una volta un finale al cardiopalma: ad 1 minuto e 20 secondi dalla fine del match l’Upea si trova ancora sotto di 1 punto, sul 59-60, e la partita è ancora tutta da giocare. Per fortuna c’è il capitano Albertinazzi a togliere temporaneamente le castagne dal fuoco, con una tripla che porta la squadra di casa avanti di 2 lunghezze. Ma una infelice scelta di Crow, che tenta un tiro da 3 a 13 secondi dalla fine dell’azione, fa tremare ancora il PalaFantozzi. A 22 secondi dalla fine, infatti, Santolamazza ha in mano il tiro libero del pareggio (sul 62 pari), ma sbagliando consente a Crow di allungare il vantaggio e chiudere sul 68-63.

Upea - Anagni (foto di Daniele Collovà)

“Questa sera abbiamo accusato la stanchezza delle 3 partite ravvicinate – ha dichiarato coach Perdichizzi – sommate alle trasferte in pullman e ai minutaggi elevati dei lunghi nelle scorse partite. Abbiamo avuto il problema dell’inserimento di Cardinali a 2 giorni dalla partita, infatti era un po’ spaesato e deve ancora inserirsi all’interno dei meccanismi della squadra. Abbiamo concesso parecchio in difesa nel primo tempo, e abbiamo subito parecchio la loro zona. Nonostante ciò siamo stati sempre lì, senza mai mollare, e sono soddisfatto perché nonostante la serata non brillante siamo riusciti a portare a casa i due punti”.

Upea - Anagni (foto di Daniele Collovà)

Orlandina Basket – Romana Chimici Anagni 68-63

Upea Orlandina Basket: Alessandri 11 (4/5), Crow 25 (5/6, 2/8, 16 rimabalzi per 37 di valutazione), Zanelli 10 (4/8, 0/2), Benevelli 6 (3/8, 10 rimbalzi), Cardinali 2 (1/5, 0/5) Albertinazzi 12 (2/3, 2/4), Casati, Pellegrino (0/1), Damiani (0/2 da 3). Coach Giovanni Perdichizzi.

Romana Chimici Anagni: Morgia, Zanelli 2 (1/2, 0/2), Malamov (3/10, 1/5), Santolamazza 14 (4/8, 1/3), Pozzi 9 (3/6, 1/1), Corral 9 (4/6, 10 rimbalzi), Vanni, Baroncelli 3 (0/3, 1/6), Ciribeni 2 (0/2, 0/2), Benedusi 11 (5/8, 0/2). Coach Luciano Nunzi.

Arbitri: Gasparri e Pratillo.

Note – Parziali tempi: 15-21, 30-29, 47-44, 68-63.

Tiri da 2: Orlandina 19/37, Anagni 20/45. Tiri da 3: Orlandina 4/22, Anagni 4/21. Tiri liberi: Orlandina 18/23, Anagni 11/17. Rimbalzi: 44-39 per l’Orlandina.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close