PROPOSTE “SOSTENIBILI”


Sono stati presentati oggi i due progetti , nati da un’idea di Edoardo Lipari e Carmelo Galipò (consigliere comunale del gruppo “Insieme Per Cambiare- Massimo Carrello Sindaco” ) , dedicati al turismo eco-sostenibile ed alla riqualificazione del territorio, di grande utilità turistica, ambientale e culturale. “Ydor – l’itinerario dell’acqua” e ” Capo d’Orlando Bike Ride” sono le iniziative in oggetto. Il nome del primo progetto deriva dalla parola di origine greca “Ydor” ( da leggere Iudor) che significa letteralmente “Acqua”. L’acqua è un bene comune, per tanto va gestita in modo “partecipato” e “sostenibile”. Un percorso naturalistico che si dirama in un tragitto ideale delle più importanti fontane Orlandine, da Piscittina a Scafa , migliorandole , valorizzando l’utilizzo dell’acqua pubblica e diffondendo il valore culturale inestimabile di esse. Sostenibilità ambientale, risparmio economico, conoscenza del territorio e della sua storia tramite le eccellenze naturali dei luoghi in cui sono ubicate. Un itinerario aperto a tutti che invita al contatto con la natura e le sue risorse per conoscerle, apprezzarle e rispettarle. Preziosità territoriali che diventano, tramite la loro valorizzazione, volano di un turismo alternativo. In ogni ” luogo dell’acqua ” sarà installato un cartello in doppia lingua inerente al nome, alla storia ed alla qualità dell’ “oro blu”. Con “Ydor” si intende quindi : Tutelare l’acqua come bene primario,  di qualificare i luoghi dell’acqua del territorio comunale, ridurre l’inquinamento , conservare la memoria storica di ogni fontana ricadente nel territorio dell’Ente, creare un servizio turistico da destinare a tutti quelli che ne vogliano fruire.

Il secondo progetto, “Capo d’Orlando Bike Ride” , dedicato al mondo a due ruote , prevede invece la valorizzazione , la qualificazione e la creazione di percorsi cicloturistici sfruttando le caratteristiche insite nel territorio di Capo d’Orlando. Un progetto concreto di turismo che ha come elemento vitale Capo d’Orlando, le sue strade, le sue strutture ricettive, i prodotti tipici locali ed i suoi paesaggi. Sono questi infatti gli elementi chiave per costruire un’offerta turistica personalizzata , specifica di un segmento di mercato, e contribuire a fare di Capo d’Orlando ed i paesi limitrofi un territorio a vocazione cicloturistica. Attraverso la creazione di alcuni percorsi ciclistici, descritti minuziosamente e di varia difficoltà, si crea la possibilità di unire cultura – salute e sostenibilità ambientale. Il Comune cercherà quindi di sfruttare la triade così formata anche attraverso l’organizzazione di eventi a tema ( passeggiate turistiche, ciclo tour enogastronomici, convegni a tema, incontri e workshop) per garantire in collaborazione con società sportive, strutture ricettive ed imprenditori del settore un adeguato servizio turistico con la possibilità così di destagionalizzare il turismo. Un aspetto quello della destagionalizzazione, molto a cuore agli orlandini , che si abbina alla valorizzazione di quelle parti di territorio meno toccati dai grandi flussi turistici ed alla promozione di un turismo a due ruote, ecosostenibile ed ecocompatibile. Sarà possibile così premiare le eccellenze del territorio , creare occupazione e far di Capo d’Orlando ( e di conseguenza i paesi limitrofi) meta di questa nicchia turistica. Due iniziative culturali – turistiche che il consigliere Carmelo Galipò ed il giovane Edoardo Lipari ritengono utili quanto necessarie per rilanciare il territorio. Hanno deciso quindi di donare queste due idee al Comune di Capo d’Orlando, proponendole all’amministrazione e nello specifico all’Ass.Milone . Per la buona riuscita delle iniziative i promotori hanno dato la loro disponibilità a seguire direttamente i progetti in modo gratuito augurandosi che, una volta accolti dall’amministrazione, i “semi piantati” possano “fiorire” ed esser realizzati concretamente con l’arrivo della prossima primavera.

 

Una politica d’unione, fatta d’idee concrete e d’utilità sociale che non lascia spazio a sterili polemiche ma che sia virtuosa e tangibile materialmente dal cittadino. Un futuro preso in prestito dai nostri figli, per i quali dobbiamo avere oggi l’accortezza sociale e l’imperativo morale di farli vivere certamente in un mondo migliore. E’ questo quello che si auspicano il consigliere del gruppo facente capo al candidato sindaco Massimo Carrello e Edoardo Lipari per un avvenire più vantaggioso, che orienti lo sguardo verso un domani ecosostenibile ( preservando le risorse naturali che custodiamo) e che non tocchi prepotentemente le tasche dei cittadini; un futuro virtuoso, proficuo per il raggiungimento del bene comune e del benessere della società intera.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close