Leon

Capri Leone: Rocca battuto 4-1 a Leonforte, al ritorno serve l’impresa

Leon

Dopo una partita più equilibrata di quello che non dica il punteggio finale, il Rocca di Capri Leone esce sconfitto dal “Comunale” di Leonforte per 4-1 nella gara di andata del primo turno di Coppa Italia di Eccellenza giocata contro la Leonfortese padrona di casa.

Di fronte ad un pubblico caloroso, i biancoverdi di mister Mirto si schierano con un 3-4-3 che prevede Barone in porta, protetto dal trio Balastro-Monforte-Fecarotta; a centrocampo i centrali sono Gurrieri e capitan Di Peri, mentre sulle fasce vanno gli juniores Castro e Maria; in attacco, Caputa e Carfì sorreggono Torcivia. Risponde il Rocca di mister Bongiovanni con un camaleontico 4-2-3-1, nel quale il portiere è Inferrera; la difesa è composta da F. Bontempo, Galati, Regina e Fazio; in mezzo il capitano Margò e G. Bontempo dettano i tempi, mentre Iuculano, Zingales e Gennaro hanno il compito di sostenere l’unica punta Craccò. Dirige l’incontro il signor Gangi di Enna.

A partire meglio sono i locali che al 2′ sfiorano già il gol con Torcivia che, con un bellissimo tiro a giro, centra in pieno la traversa. Al 9′ è Caputa a divorarsi il punto del vantaggio, facendosi ipnotizzare nell’uno contro uno da Inferrera dopo un bel taglio in verticale. La reazione degli ospiti è affidata a due conclusioni da fuori di G. Bontempo che però non hanno fortuna. Al 22′ Craccò incrocia bene di destro da posizione angolata, Barone respinge e sulla ribattuta di Zingales la difesa della Leonfortese compie un vero miracolo che salva il risultato. A questo punto lo spettacolo scema e si arriva così senza grandi emozioni al 43′. Sugli sviluppi di una punizione, Carfì stoppa la sfera al limite dell’area e con un gran girata di sinistro batte Inferrera portando in vantaggio i suoi. Dopo 3′ di recupero, quindi, il direttore di gara manda le squadre negli spogliatoi sul punteggio di 1-0 per i biancoverdi.

La ripresa vede inizialmente un Rocca più frizzante che al 53′ trova il pari grazie ad un rigore conquistato da Iuculano, servito in area da una grande imbeccata di Zingales. A presentarsi sul dischetto è G. Bontempo che non sbaglia, 1-1. A questo punto la gara cambia completamente. La Leonfortese si sveglia e al 56′ è nuovamente in vantaggio grazie a Torcivia, che sfrutta un’ottima giocata di Caputa sull’out di sinistra e supera da pochi passi un incolpevole Inferrera. Il Rocca cerca di non perdere la testa e Zingales su punizione impegna severamente l’ottimo Barone che, con un colpo di reni, devìa a lato. Sul capovolgimento di fronte, i biancoverdi trovano il punto del 3-1 in maniera rocambolesca. Da centrocampo, Gurrieri lancia in profondità verso Torcivia cercando di sfruttare la velocità del proprio compagno. Il pallone sembra troppo lungo per l’attaccante ma, a causa di un’insidiosa zolla, dopo aver toccato terra la sfera si impenna e va ad insaccarsi alle spalle di uno stupefatto Inferrera, che non può far altro che raccogliere in fondo al sacco il pallone per la terza volta.

Il punteggio maturato è fin troppo punitivo per un Rocca che rischia di capitolare ancora al 65′, quando Maria manda a lato di testa da buona posizione. Un paio di primi più tardi, G. Bontempo scarica una bordata diretta all’incrocio dei pali dai 30 metri su calcio piazzato. Barone è per l’ennesima volta prodigioso e riesce in piena estensione ad evitare il gol del 2-3 con un gesto tecnico da vero campione. Il miracolo del giovane portiere della Leonfortese spegne ogni velleità degli ospiti, che si vedono graziare all’80’ da Torcivia che, smarcatissimo in piena area di rigore, non è preciso di testa. Al 87′ Caputa prova la giocata personale ma il suo tiro dal limite risulta alto. È solo il preludio al poker degli ennesi, che puntuale arriva al 90′ con Torcivia che si invola in solitaria verso la porta biancazzurra e trafigge con freddezza Inferrera per la doppietta personale. Dopo 4′ di recupero, il signor Gangi dice che può bastare così. Leonfortese batte Rocca 4-1 in una partita che i padroni di casa hanno disputato con grande cinismo e intensità di gioco. Per il Rocca un pizzico di malasorte e un punteggio che non rispecchia a pieno i valori visti sul campo, anche se la vittoria dei biancoverdi è più che meritata.

A fine gara le riflessioni dei due tecnici ai nostri microfoni.

Gaetano Mirto, allenatore Leonfortese: «Vincere questa partita è stata una bella soddisfazione, anche se il punteggio non ha rispecchiato in toto i valori in campo. Sono stati gli episodi che ci hanno aiutato a scavare un solco così profondo, visto che per la prima ora la gara è stata giocata alla pari dalle due formazioni. Possiamo migliorare molto in vista del ritorno, siamo una squadra giovane che ha grandi margini di crescita. Il 4-1 è un punteggio importante per il doppio confronto, ma nel calcio nulla è scontato. La Coppa non è un obbiettivo primario, a noi interessa la salvezza, ma sicuramente oggi è stato un test importante contro una squadra forte che ritroveremo in campionato. Torcivia? Un attaccante di grande spessore per la categoria, come tanti altri presenti in questo torneo».

Salvatore Bongiovanni, allenatore Rocca di Capri Leone: «Un battesimo davvero duro. Questa partita ha fatto capire alla squadra cosa aspettarsi durante l’arco della stagione. Il risultato è bugiardo, fino al 60′ abbiamo giocato bene, dopo il nostro pari purtroppo ci siamo disuniti e allungati e questo ha messo in condizione gli attaccanti della Leonfortese di sfruttare la maggiore velocità rispetto alla nostra retroguardia. C’è da lavorare, anche se sono soddisfatto della prova dei ragazzi in fase di costruzione di gioco. Ribaltare un 4-1 è complicato, la Leonfortese ha dimostrato di essere una buona squadra, specie negli spazi aperti. Al tempo stesso, però, credo sia una formazione alla nostra portata, abbiamo il dovere di crederci e di rifarci dopo questa sconfitta pesante».

Il ritorno del primo turno di Coppa Italia di Eccellenza si giocherà nella serata di domenica 1 settembre al “Nuovo Comunale” di Rocca. Per andare avanti nel torneo i biancazzurri dovranno compiere una vera e propria impresa al cospetto di una compagine talentuosa come quella allenata da mister Mirto.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close