LO SPORT ORLANDINO FA ACQUA…


“Lo sport orlandino fa acqua da tutte le parti…” è questo il primo pensiero che tra lo stupito e l’amara rassegnazione  mi viene subito in mente. Mi trovo al “nuovo” stadio ,  il Ciccino Micale ; ad onor del vero il tempo da lupi  di questa prima domenica ottobrina  inviterebbe a più miti consigli ,  invece di sfidare le intemperie  sarebbe più comodo e sano starsene rintanati tra le quattro mura di casa. Ma la curiosità di vedere la berlusconiana macchina da guerra messa su dal nuovo presidente dell’Orlandina calcio , il siculo-greco Massimo Romagnoli, ha la meglio . Riesco a schiodare le mie stanche membra dal comodo divano ed in un impeto d’insano coraggio mi fiondo fuori casa. L’aria gelida che mi sferza il volto e le prime gocce versate da nuvoloni gravidi d’acqua è l’ultimo avvertimento del generale inverno a rimodulare le mie scelte, vacillo un’ attimo , ma poi penso che nel nuovo “gioiello” di Pissi troverò tutti i confort di cui ho bisogno , e soprattutto una tribuna comoda e asciutta . Il mio inguaribile ottimismo  ha la meglio ed adesso sono qui in tribuna ad osservare ventidue baldi giovani rincorrere una sfera di cuoio incuranti delle avverse condizioni climatiche. Ma non è come me l’aspettavo , la tribuna , fatta di nudo cemento non è il massimo del confort,  fortunatamente sugli spalti trovo amici e si sa che condividere un disagio con altre persone lo rende certamente più sopportabile. Tra una battuta e l’altra , preso atto del non eccelso spettacolo offerto dalle due squadre , la mia attenzione si sposta proprio sulla struttura del Ciccino Micale. Inaugurato appena un anno fa dimostra una vecchiaia precoce figlia di vizi congeniti alla costruzione  . Ad essere crudi ed onesti una cosa salta subito agli occhi , non è una struttura per donne ( che con mia grande sorpresa ce n’è una nutrita e coraggiosa  rappresentanza ) e bambini , la totale assenza di qualsiasi basilare confort ritengo sia il primo deterrente alla loro presenza. Il freddo è davvero insopportabile , lo faccio notare ai miei compagni di sventura e qualcuno mi sussurra – che la dirigenza ne è cosciente ed ha chiesto all’amministrazione la gestione diretta dell’impianto  per apportare le giuste  correzioni– ma ad oggi la stessa sembra fare orecchie da mercante ,  chi dice per motivi politici (il buon Romagnoli è stato pur sempre un candidato contro…) chi , per non togliere l’osso a qualche devoto elettore…. di certo c’è che con molta probabilità resterà  un altro degli intricati misteri nati in terra di Sicilia. Ma i disagi al Ciccino Micale  non sono rappresentati solo dai capricciosi respiri di Eolo , ma anche da una tribuna coperta….virtualmente. Eh si , perché quando comincia a piovere arriva la crudele sorpresa , in tribuna coperta piove ….ed anche copiosamente!….Alzo gli occhi al cielo e noto come la copertura , fatta di lastre di coibentato appoggiate sulle travate di cemento , non sono state saldate tra di loro ( o forse lo sono state , ma con evidente imperizia… a voler essere benevoli) ed in tribuna (s)coperta filtra acqua a catinelle……..il pensiero vola veloce ad un paio di chilometri più a est . Sul Lungomare Andrea Doria , in maniera stoica resiste un , al tempo ed all’incuria un monumento dello sport, quel Palavalenti memoria storica degli ultimi 35 anni di storia orlandina. Anche lì piove dentro…da ben cinque anni , ed in barba ad inutili interventi tampone. Cinque anni di infiltrazioni , che cominciano a lasciare tracce… sull’angolo sinistro dell’impianto (quello della ex tribuna demolita per intenderci…) . I segni del deterioramento sono preoccupanti , l’intonaco non c’è più e le “mignatte” sono oramai gonfie e pericolosamente a  vista . Le travi dell’impianto sono segnate da grosse crepe simili a quelle rughe che deturpano il viso di belle signore oramai avanti negli anni e arresesi all’avanzare del tempo ed ai colpi bassi della vita.  Penso agli occhi allarmati di quei volenterosi dirigenti che ancora hanno voglia ( o forse solo l’incoscienza) di far ancora sport , mentre scrutano le nuvole nere e minacciose avvicinarsi bellicose all’impianto  in prossimità degli incontri casalinghi (gli allegri allenamenti , fatti di slalom in mezzo ai secchi sparsi per il campo sono oramai stanca routine…) . Ma il conducator orlandino è stato chiaro , la memoria collettiva di un paese(sia essa storica o sportiva…) è solo un’imbarazzante orpello di cui sbarazzarsi (magari ricavando una plusvalenza per le esangui casse comunali) a favore di uno dei tanti cortigiani. E la sorte  del glorioso Palavalenti  sembra oramai segnata. Mastico amaro , piove al Ciccino Micale ( e tralascio volutamente un altro pezzo di storia sportiva orlandina , qual è il Francesco Paolo Merendino il cui stato di abbandono e degrado è sotto gli occhi di tutti , e lo faccio non per ignavia ma solo per non essere accusato di accanimento  e faziosità verso un’amministrazione che in cuor mio spero sia “solo” incapace…) piove al Palavalenti , “fortunatamente” non piove solo al Palafantozzi……il triplice fischio dell’arbitro mi risveglia da pensieri ancor  più foschi e cupi dei grossi nuvoloni  sopra la mia testa. La gara è finita , l’Orlandina impatta uno a uno in una gara scialba e mediocre …intirizzito dal freddo , ed avvilito nell’umore mi dirigo  verso l’uscita con la crescente certezza di quanto sia reale la mia considerazione iniziale …“Lo sport orlandino fa acqua da tutte le parti…”

Print Friendly



Articoli Correlati

Close