festival 1.

Santo Stefano C.: si è conclusa con successo la seconda edizione del Festival “Città delle Ceramiche”

festival 1.

 

È Deborah Cardinale, 18 anni di Palermo, la vincitrice del secondo Festival “Città delle Ceramiche”. Con la canzone Je suis malade, splendida interpretazione del brano scritto da Serge Lama e Alice Dona, interpretato da artisti come Dalida e Lara Fabian, la Cardinale ha letteralmente conquistato pubblico e giuria. Due i riconoscimenti assegnati a questa giovane artista, che con una splendida e suggestiva performance ha messo in scena un vero e proprio dramma d’amore, essenza del brano da lei interpretato. A lei è andato sia il premio della critica sia il primo premio, grazie al quale Deborah Cardinale avrà accesso ad un master presso il Village Music Lab di Caserta. Ad aggiudicarsi il secondo posto Giorgia Coniglio con il brano One and only, e Rosalba di Grazia con il brano Sei bellissima. Terza classificata Dalila Galati, giovane palermitana vincitrice della scorsa edizione del Canta Mare, che è stata premiata con la canzone Dimmi come. Il premio della Giuria Popolare è stato invece assegnato al romano Luca Mazzola e la sua interpretazione di Spiderman, mentre lo sponsor ufficiale della manifestazione, Alpe Arredi, ha consegnato un premio simpatia al giovane Andrea Messina sedicenne di Brolo, che ha emozionato con il brano Chiamami ancora amore. A tutti i vincitori sono stati consegnati dei premi in ceramica offerti dagli artigiani locali.

festival 2

 

Un lavoro di certo non facile per le giurie, quello di scegliere il migliore tra i migliori, in quanto la qualità,in termini di partecipanti alla Kermesse, è stata veramente alta. A giudicare i concorrenti tre giurie, una popolare, una giornalista e una tecnica, all’interno della quale si è potuta vantare la presenza di personalità importanti nell’ambito del panorama musicale e artistico italiano quali Marco Vito, vocal coach di “Ti lascio una canzone”, Marilù Monreale, vocal coach di Star Music Accademy e Vicenzo Capasso, direttore artistico del Village Music Lab di Caserta.

festival 3

 

A presentare le due serate della Kemesse canora, svoltasi giovedì 8 agosto e venerdì 9, Alessandro Amoroso e Maria Grazia Ganguzza, affiancati da Alba Parrino, madrina della manifestazione, ma un importante contributo per la buona riuscita dell’evento, hanno anche offerto Lucio Volo e Francesco Gelardi, direttore artistico del Festival.

Ed è stata piazza Matrice a fare da sfondo alla prima serata, mentre, causa condizioni meteorologiche avverse, la finale è stata spostata al Cineteatro Glauco con grande risposta di pubblico locale e non, un pubblico che oramai sembra essere legato a questa manifestazione che di certo contribuisce a far conoscere Santo Stefano al di fuori degli schemi locali, in quanto accoglie artisti provenienti non solo dalla Sicilia ma anche da altre regioni Italiane.

Per i giovani che partecipano di certo una buona possibilità per farsi conoscere e soprattutto per far conoscere il proprio talento, per gli spettatori, invece, un’ottima occasione per godere di buona musica.

festival 4.

 

Una manifestazione che merita quindi di essere annoverata tra le più importanti per il paese delle ceramiche e che in queste due prime edizioni ha riscosso un vero e proprio successo, motivo per cui gli organizzatori hanno dato appuntamento al prossimo anno, con la terza edizione del Festival “Città delle Ceramiche”.

 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close