karibe-copertina-1

S. Agata M. llo: stop alla musica nei locali notturni, il silenzio scatta dall’una

karibe-copertina-1

La giunta comunale di Sant’Agata Militello ha varato una nuova ordinanza, la numero 66, che farà molto parlare di sè. L’argomento di tale ordinanza è la disciplina delle emissioni sonore e delle attività di pubblico spettacolo ed intrattenimento da parte dei locali pubblici modificando, così, l’ordinanza n°100 del 14 Giugno 2011.

Dal 1 Luglio al 31 Agosto i gestori dei locali, sono intimati a spegnere la musica improrogabilmente entro l’una di notte, il limite è previsto per tutti i giorni feriali, mentre per il Venerdì, il Sabato ed i prefestivi la soglia è posticipata alle 2 della notte, Il tutto “fermo restando la presentazione preventiva di una relazione redatta da un tecnico esperto in acustica ambientale sugli strumenti e/o apparecchiature sonore utilizzate”.
Dal provvedimento sono esclusi quei locali appartenenti alla tipologia “C”, (discoteche) per cui rimangono invariate le disposizioni vigenti (a Sant’Agata, per intenderci, solo la “Capannina” rientra nella tipologia “C”), mentre tutti i gestori di lidi, bar, chioschi ed altri locali che volessero organizzare intrattenimenti musicali del tipo Musica dal vivo ,Piano bar o Karaoke (previa predisposizione e presentazione, della suddetta relazione acustica), dovranno comunque spegnere il tutto alle 02:00 nei weekend o prefestivi oppure a 01:00 nei giorni feriali.
Il non rispetto di tali limitazioni, comporterà, secondo l’ordinanza, sanzioni variabili da 50 a 500 euro, per le eventuali reiterazioni è persino prevista la chiusura del locale da tre a sei giorni. L’ordinanza ha valore comunque per l’intero arco dell’anno, solo che per tutti gli altri mesi, dunque da Gennaio a Giugno, il limite è anticipato alla mezzanotte nei giorni feriali, all’una nei weekend e prefestivi.
La motivazione espressa in premessa all’ordinanza è quella del rispetto della quiete pubblica e del riposo di tutti i cittadini,  bisogna comunque ammettere, che i titolari delle attività interessate non hanno ben accolto questo provvedimento proprio alla soglia delle due settimane estive più calde in termini di presenze turistiche e di clientela locale. I consiglieri comunali  di maggioranza hanno rilasciato un proprio comunicato  nel quale si esprime il disappunto sul provvedimento chiedendone la revoca immediata.
Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close