TERREMOTI: 20 IN 4 GIORNI


Dallo scorso 23 giugno, quando poco dopo la mezzanotte una forte scossa ha svegliato e terrorizzato migliaia di persone, la terra ha tremato altre 20 volte. Secondo infatti l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, la costa siciliana settentrionale è stata interessata da continui terremoti di magnitudo varabili.  Anche questa mattina (27 giugno) la terra ha tremato. Alle ore 7.23  una scossa di magnitudo 3.2 con epicentro nel comune di Longi (la foto ne indica l’epicentro). Ma anche alle 9.15, sempre nelle vicinanze del centro montano, un’altra scossa di magnitudo 2.7. A Capo d’Orlando, inevitabilmente, le scosse si riescono ad avvertire distintamente e la preoccupazione aumenta. Un dato rimane significativo. In soli 4 giorni oltre 20 terremoti in una zona chiaramente e visibilmente delimitata tra i comuni dei monti Nebrodi con profondità dell’epicentro che varia dai 7 ai 4 km. La scienza ci ha insegnato che prevenire un terremoto rimane praticamente impossibile ma una serie così frequente di sismi non può che far alzare la guardia, ma soprattutto, la paura. Un dato è certo. La zona attualmente interessata da tali fenomeni è considerata a rischio sismico 2 su una scala che tocca l’apice ad uno. Quindi è risaputo, da tempo ormai, che viviamo circondati da tre vulcani attivi e che tali fenomeni possono essere considerati ormai cronici.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close