gilusia senza cunfini2

C. d’Orlando: un successo la prima di “Gelusia senza cunfini”

gilusia senza cunfini2
C’era molta attesa per la prima di “Gelusia senza cunfini”, commedia in due atti, scritta e diretta da Antonio Puglisi, messa in scena ieri sera dal gruppo teatrale “Il Laboratorio”. L’attenzione nei confronti del secondo lavoro scritto dal giornalista orlandino è stata dimostrata dall’incredibile partecipazione di pubblico all’interno del CineTeatro “Rosso di San Secondo” del lungomare Andrea Doria di Capo d’Orlando.

Spalti gremiti e lo spettacolo comincia ancor prima dell’apertura del sipario. La voce di Benito Mussolini, infatti, riempie la sala nello stralcio del suo famoso discorso, nel quale annuncia l’entrata in guerra, la seconda, dell’Italia. Il pubblico presente si immerge così nell’atmosfera del conflitto mondiale, e, all’apertura del sipario, l’immedesimazione è totale, scoprendo una scenografia che riporta alla trincea, alla battaglia, e grazie soprattutto ad effetti sonori e di luci, l’ambiente è ricreato in maniera realistica.

Primo atto con 4 soldati italiani (Alessandro Biscuso, Salvatore Fragata, Pippo Galipò e Alberto Giulio) che si alternano in racconti di vita esilaranti tra esplosioni e spari, tanto da suscitare risate continue e applausi scroscianti che hanno più volte interrotto l’interpretazione degli attori.

Quattro soldati, costretti a ripararsi in quelle trincee, che raccontano di amori, di donne, di abitudini, creando il perfetto contrasto tra nord e sud che si trasforma in armonia assoluta nel momento del bisogno e della paura.

Nel secondo atto l’ambientazione cambia radicalmente trasportando il pubblico all’interno di una misera casa siciliana di una famiglia caduta in disgrazia nel dopoguerra. Qui esaltanti le interpretazioni di Nonno Santo (Nino Mangano), Giuseppina (la straordinaria Tiziana Galipò) e della figlia (nella scena e nella vita Giorgia Starvaggi). Un’altra new entry della compagnia, oltre alla piccola Giorgia, ha dimostrato di non temere il confronto con i più esperti colleghi. Lisa Bonasera, infatti, ha dato dimostrazione di impegno e professionalità.

Gli equivoci, le battute e le risate si sono susseguite con la stessa rapidità degli spari del primo atto, riscuotendo consensi continui e convinti. Come per le esibizioni di Carmelina (Anna Maria Gentile) e del medico e dell’infermiera (Gaetano Micale e Irene Previti).

gilusia senza cunfini

Alla fine, 10 minuti di applauso convinto hanno riempito il “Rosso di San Secondo” per l’ultimo spettacolo della mini-rassegna organizzata per festeggiare i 30 anni di attività continuativa dell’associazione teatrale presieduta da Pippo Galipò.

Una serata che i presenti difficilmente dimenticheranno, sia per l’interpretazione degli attori, sia per la storia scorrevole e davvero molto divertente, scritta da un orlandino, Antonio Puglisi. L’appuntamento con il gruppo teatrale “Il Laboratorio” è adesso rinviato all’inizio della stagione estiva, che vedrà questo stesso spettacolo in scena in numerose piazze del territorio siciliano.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close