GRUPPO MINORANZA BROLO

Brolo: una sede per la Impastato. La minoranza riaccende i riflettori sulla scuola di Iannello

GRUPPO MINORANZA BROLO

La minoranza consiliare di Brolo rispolvera un argomento già presentato diverse volte all’amministrazione comunale guidata da Salvo Messina, si tratta della situazione in cui verte la scuola di Iannello. L’Associazione Brolese Peppino Impastato, in cerca di una sede, ha richiesto al comune proprio l’ultilizzo della scuola in questione. Nella richiesta ufficiale si inserisce il gruppo di opposizione che fa notare come lo stesso edificio, qualche tempo fa, era stato ritenuto dal sindaco Salvo Messina pericolante e non usufruibile. La fatiscenza della scuola era stata segnalata dalla minoranza consiliare, che in seguito a un sopralluogo, aveva rinvenuto anche una batteria e diversi strumenti musicali. Fatto mai spiegato dall’amministrazione comunale. Ora i cinque consiglieri d’opposizione, Gaetano Scaffidi, Irene Ricciardello, Giuseppe Miraglia, Vincenzo Princiotta e Filippo Collovà, chiedono lumi sulla questione arretrata e inoltre, suggeriscono al sindaco di trovare in tempi brevi una sede all’Associazione Impastato, attiva sul territorio brolese e non solo.

Ecco il testo della lettera inviata al primo cittadino di Brolo:

Gentilissimo Signor Sindaco,

apprendiamo dalla stampa che l’Associazione “Peppino Impastato”, avendo la necessità di trovare un luogo da adibire a sede locale dell’Associazione stessa, ha presentato richiesta per la concessione in comodato d’uso gratuito dei locali della scuola di Iannello. Il Presidente dell’Associazione, impegnandosi ad illustrare le attività che verranno svolte nei locali, qualora venissero concessi, dichiara la disponibilità dell’Associazione a farsi carico dei progetti di rifacimento e valorizzazione della struttura.

Apprezziamo molto l’iniziativa, anche perché riteniamo che l’Associazione “Peppino Impastato” si è sempre distinta non solo sul territorio brolese, ma anche nell’ambito provinciale e regionale per iniziative volte alla valorizzazione delle politiche giovanili e non solo.

Purtroppo però, Signor Sindaco, vogliamo con questa nota ricordarLe che la questione relativa ai locali della scuola di Iannello fu da noi sollevata circa un anno fa, quando con apposita interrogazione Le chiedemmo lumi circa ciò che stava accadendo all’interno di quei locali. Con nota n°7575 del 05/06/2012, Lei ci rispose, tra l’altro, che quella struttura non è a norma ed è fatiscente ed insicura. Le ricordiamo che fu proprio Lei a trasmetterci l’atto deliberativo n°233 del 17/10/2002, dal quale chiaramente si evince che già 10 anni addietro la struttura era fatiscente e si trovava in stato di abbandono.

Siamo assolutamente favorevoli al fatto che l’edificio possa divenire un “centro sociale di contrada”, ma, al tempo stesso, siamo consapevoli del fatto che non si possa permettere l’utilizzo di una struttura abbandonata e fatiscente, a chicchessia, senza prima metterla in sicurezza con adeguati lavori che richiederebbero chiaramente parecchio tempo ed ingenti somme da investire.

Essendo, a nostro avviso, la richiesta dell’Associazione assolutamente da valutare e da accogliere positivamente , vista l’intensa attività svolta dalla “Peppino Impastato”, Le chiediamo Signor Sindaco, di voler assegnare, in comodato d’uso gratuito, all’Associazione richiedente, una stanza, delle varie libere ed immediatamente pronte all’uso, dei locali siti al primo piano della stazione ferroviaria, al fine di poter permettere ai giovani facenti parte dell’Associazione, di usufruire di un luogo di aggregazione per favorire il miglioramento delle politiche giovanili e sociali.

Cogliamo l’occasione per chiederLe inoltre notizie sulla batteria a percussione ritrovata in quei locali lo scorso anno. Chiediamo quindi di conoscere se è stato dato seguito a quanto da noi proposto nella seduta di consiglio comunale del 30/10/2012. Non essendo in grado di risalire ai reali proprietari, in quella sede proponemmo di acquisire la batteria a percussione, ormai abbandonata (come asserì Lei, ma che a noi invece sembrava in ottimo stato anzi addirittura nuova), tra i beni comunali e donarla al centro “La Rosa Blu”. Proposta sulla quale Lei si dichiarò assolutamente d’accordo.

Certi di un Suo favorevole, cortese, sollecito riscontro alla presente, cogliamo l’occasione per complimentarci con il Presidente della “Peppino Impastato”, che ci legge per conoscenza, per l’attività fin qui svolta dall’Associazione e che, siamo certi, sarà sempre più intensa e concreta.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close