benevelli personale

QUALCOSA DI PERSONALE – FILIPPO ALESSANDRI


Continua la nostra rubrica, nata per conoscere meglio i giocatori dell’Upea Orlandina Basket 2011/12, andando a scovare i particolari della loro vita privata. Questa volta abbiamo posto le nostre divertenti ed a volte anche “piccanti” domande a Filippo Alessandri, giovane promessa del panorama cestistico nazionale e neo acquisto della società paladina che disputerà quest’anno il campionato di DNA (ex A dilettanti).
Filippo Alessandri, nato a Marsciano, in provincia di Perugia, il 25 gennaio 1989, è un prodotto del settore giovanile della Virtus Siena, con cui esordisce in DNA a soli 16 anni, a 18 anni viene ceduto in prestito a Palestrina in DNB, dove segna 0.3 punti in 29 minuti di utilizzo medio. Nel 2008 Alessandri fa ritorno a Siena, ma non trovando spazio si trasferisce nuovamente a Palestrina a metà stagione, in 32 minuti realizza di media 16.6 punti, 3.6 rimbalzi, 1.9 assist e subisce 7.1 falli. Nel 2009/2010 ancora Palestrina (12.7 punti, 3.9 rimbalzi, 2.5 recuperi, 2.2 assist e 7 falli subiti per gara). Nel 2010 gioca a Ferentino dove realizza 10.1 punti (2.5 rimbalzi, 2 recuperi e 2 assist) in 26 minuti di utilizzo medio.

Ruolo?
Play

Hai soprannomi?
Leone

Numero di maglia e perché?
4, non c’è un perché, ho sempre avuto il 4 o multipli del 4.

Come hai iniziato a giocare a basket?
Ho iniziato a 4 anni, vedi perché torna il 4.. No scherzo, ho iniziato perché mio fratello era andato a giocare a pallacanestro e io ero il fratello più piccolo e più stupido e sono andato anch’io a giocare a pallacanestro.

Quando hai capito che sarebbe diventata la tua professione?
Non l’ho ancora capito.. no scherzo, quando al termine delle giovanili, mi son detto che forse c’era qualcosa di importante da fare.

Giocatore di basket a cui ti ispiri?
Gianmarco Pozzecco, anzi no, Theodoros Papaloukas.

Qual è il tuo atleta preferito?
Fabrizio Miccoli.

Segui il calcio? Squadra preferita?
Sì, la Lazio.

Hai tatuaggi?
Sì, 4.

Sei scaramantico?
Solo il giorno della partita.

Come ti vedi tra 20 anni?
Non so neanche se ci arrivo tra 20 anni.

Qual è la città in cui vorresti vivere?
Perugia.

Qual è il posto più bello che hai visitato? E quello che vorresti visitare?
Che ho visitato non lo so, che vorrei visitare il Giappone.

Che musica ascolti?
Hip Hop italiano, reggae e dancehall.

Ti piacciono gli animali? Ne hai?
Sì, ho un cane.

Qual è il tuo film preferito?
Non te lo posso dire.

Qual è il tuo colore preferito?
Il rosso.

Qual è il tuo piatto preferito?
Pappardelle al ragù di cinghiale.

Ti piace cucinare?
Sì, mi piace più mangiare ma sì, mi piace cucinare

Single? Fidanzato?
Fidanzato.

La tua donna ideale?
Arianna Bariani, la mia ragazza.

A quanti anni la prima volta?
15 anni.

Il posto più strano dove l’hai fatto?
Al centro di un campo da basket, di notte.

La tua più grande paura?
Di essere dimenticato.

Cosa le persone più spesso criticano di te?
Potrei farti una lista lunghissima, forse la presunzione.

Un aggettivo per descriverti?
Super.

Che auto hai? Che auto vorresti?
Ho un’Audi A4, vorrei una Punto, così risparmio.

Se rinascessi che lavoro faresti?
Forse il veterinario.

Quali sono le tue aspettative per il campionato?
Vincere tutto!

Cosa ti piace e cosa no di Capo d’Orlando?
La granita, il mare, le donne, e non mi piace che si scivola sul parquet!

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close