pissi maggio 2013 007

C. d’Orlando: Dossier sul “Pala Pissi”, la scadenza del 30 maggio una promessa non mantenuta ?

pissi maggio 2013 007
“A cira squagghia e u santu non camina “…
la crudele affidabilità della saggezza popolare, si conferma ancora una volta di una precisione chirurgica.

Provo a togliermi quel gusto spiacevole che solo le promesse non mantenute riesce a darti aspirando avidamente dal Lanceros che lentamente muore tra le mie dita. Il suo gusto ricco e generoso fatto di  note floreali  e di aromi alla nocciola , fanno di questo Cohiba un vero incantatore , ma il sapore amaro dell’ennesima sindopromessa evaporata in cielo come gli anelli di fumo creati dal mio sigaro hanno tristemente la meglio. Il cartello di fronte a me , muto e beffardo parla chiaro ULTIMAZIONE LAVORI : 30 MAGGIO 2013…”

01- cartello indicante fine lavori

Mentre continuo a fissarlo , mentalmente faccio un semplice calcolo e scopro che mancano solo dieci giorni alla data prefissata per la consegna ; ma ciò che scorgo dietro le sbarre del cancello non mi rassicura affatto. La breve vita di quel che resta del mio agonizzante sigaro finisce sotto la pressione energica della mia suola, “dopo il piacere è arrivata l’ora del dovere”  e mi muovo per trovare un comodo punto di accesso. L’operazione è abbastanza semplice visto che il cantiere sul lato monte è completamente privo di recinzione. La diagonale del mio punto di accesso mi regala una prima visione sullo stato dei luoghi e la cosa di certo non mi conforta.

Per un’opera in dirittura di arrivo mi aspetterei un’altra visione, la mia fervida mente materializza operai che si sbattono  come formichine impazzite che laboriosamente e febbrilmente si affannano da una parte e l’altra del cantiere per dare gli ultimi ritocchi. Torno con i piedi per terra e stacco bruscamente le mie visioni , la realtà e molto più silenziosa e meno ottimistica. E ciò che i miei occhi vedono dal vivo e quello che i vostri vedono in questa foto…..

02- panoramica

L’unico segnale tangibile del passaggio dell’uomo è rappresentato dal cumulo di materiale di risulta al centro del cantiere e dal muretto in cemento eretto a delimitare l’area di uno dei due impianti.

pissi maggio 2013 004

pissi maggio 2013 005

Che la data del 30 maggio sia l’ennesima sindominchionata è palese ed incontestabile,  le pale sono abbandonate a se stesse sul cumulo di sabbia accanto ad un’impastatrice.

pissi maggio 2013 006-001 (1)

mentre l’unica opera (almeno esternamente) che da l’impressione di essere ad un punto , se non di rifinitura , almeno in stato avanzato di completamento è  il corpo spogliatoio.

pissi maggio 2013 007

Cerco un motivo per essere ottimista , ed entro dentro gli spogliatoi per constatare lo stato dei lavori. Quello che trovo purtroppo non soddisfa le mie aspettative. La sensazione di fuga precipitosa che già trasmettevano le pale abbandonate sulla sabbia all’esterno della struttura vengono tristemente replicate dai caschetti  e dalle tute lasciate appese ad appendiabiti di fortuna .

pissi maggio 2013 009

Effettuo una breve visita agli spogliatoi ed ai magazzini , ma la scena non cambia , i lavori sono in forte ritardo (mancano i sanitari , l’impianto elettrico e idraulico, la pavimentazione ecc…) e la sensazione  sempre più forte , e che la data di ultimazione sia ben distante  da quella chiassosamente strombazzata dall’amministrazione Sindoni.

pissi maggio 2013 010

pissi maggio 2013 013

Esco dal rustico  e contemplo l’area che dovrebbe ospitare il terreno di gioco , i cordoli dell’ex-pista   per l’automodellismo non sono stati  ancora smantellati…

pissi maggio 2013 016

L’ennesima visita al “costruendo”  Palapissi  si è oramai conclusa , il verdetto è   impietoso. Nonostante i proclami , le accuse di strumentalizzazione politica, e chi più ne ha più ne metta verso chi ha nel tempo fatto osservare le palesi incongruenze tra le promesse e l’azione amministrativa (me medesimo, i consiglieri di minoranza , persino l’Esperia Handball…) un solo dato è incontrovertibile: l’assoluta ottusità dell’amministrazione Sindoni  e l’inaffidabilità nell’onorare l’ennesima cambiale in scadenza.

Come spesso accade , siamo sicuri  che il conducator orlandino proverà a “buttarla in caciara”, e siamo curiosi di capire chi rimarrà con la scopa in mano appena finirà la musica.

Sarà l’ennesima “crisi di liquidità del Credito Sportivo (a sua volta smentita , documenti alla mano dallo stesso istituto..)???

Sarà colpa mia, che diligentemente annoto le Sindopromesse, per poi verificarle alla scadenza con l’incontrovertibile giudizio della mia fidata Pentax???

Sarà colpa della KREOKASA (e dei tre o quattro operai visti ad oggi in cantiere) a cui sono stati affidati i lavori??

Sarà colpa dell’Ing. Gatto  (Uno & Trino) Progettista, Direttore dei Lavori, Responsabile Unico del Progetto , e non ultimo tecnico del Comune di Capo d’Orlando  con la qualifica di  responsabile dell’Area Manutenzione e Lavori Pubblici???

Sarà colpa del Tartarughino ??? non foss’altro per la regola del  <<Nomen omen>>…????

Oppure con un“ coupe de theatre “ degno del miglior Arturo Brachetti il nostro conducator indosserà le vesti di John Belushi  e griderà al mondo un’unica incontestabile verità: ”non è stata colpa mia. Non ho tradito la parola data, dico sul serio. Ero rimasto senza benzina, avevo una gomma a terra, non avevo i soldi per prendere il taxi, la tintoria non mi aveva portato il tight, c’era il funerale di mia madre, era crollata la casa, c’è stato un terremoto, una tremenda inondazione, le cavallette! Non è stata colpa mia! Lo giuro su Dio!”

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close