duro

La tua opinione: “Duro cantante senza pubblico!” – “Dove era l’amministrazione ?”

duro
Pubblichiamo alcune riflessioni inviate da chi ha assistito ieri allo spettacolo di Angelo Duro a Capo d’Orlando. Si tratta dell’opinione di un orlandino che si firma “Un gruppo di spettatori indignati” ma del quale naturalmente conosciamo l’idendità. Come sempre vi invitiamo a scriverci per esprimere la “vostra opinione” rispettando sempre il codice riportate in questo link.

“Ieri, 16 maggio, si sono esibiti a Capo d’Orlando al Teatro Rosso di San Secondo la divertentissima“iena” Angelo Duro (“il cantante senza pubblico” e “Nuccio Vip”) con la sua “Pupi’s swing band” nello spettacolo “il cantante senza pubblico”.  Mai titolo sarebbe stato più azzeccato o addirittura profetico perché in platea hanno assistito soltanto una sessantina di persone, con la conseguente amarezza dello show man bagherese e dello staff, per uno spettacolo che meritava sicuramente molta più attenzione. Più di un’ora e mezza alternando cabaret intelligente e mai scontato, trattando argomenti delicati come gli incidenti sul lavoro, il fumo, la bellezza della Sicilia e il suo degrado: “i turisti ci restano male quando arrivano e non trovano i cassonetti pieni di immondizia!” a canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana e siciliana “O surdato nnammurato”, “Carina”, “Tu vo fa l’americano” e tante altre riarrangiate in versione swing e jazz dalla band siciliana e interpretate benissimo dallo scatenato Angelo Duro che non ha esitato a coinvolgere il pubblico nei suoi sketch e canzoni.

Perché allora questo spettacolo che in giro per la Sicilia sta riempiendo i teatri a Capo d’Orlando ha avuto questo immeritato flop?

La colpa sarebbe da addossare all’amministrazione comunale, in quanto questo evento non è stato assolutamente pubblicizzato. Forse troppo impegnati da “Little Sicily” possiamo dire con certezza che l’amministrazione ha fatto una “Little” figura, impreziosita dall’assenza in platea dell’assessore al turismo, del sindaco o di qualsiasi altra autorità che forse ha preferito evitare una volta resasi conto della “magra” figura fatta.

Non sono mancate comunque le sacrosante frecciate del cabarettista durante lo show; all’inizio ha domandato: “c’è il sindaco in sala? (silenzio) C’è l’assessore al turismo? (silenzio) C’è qualche assessore? (silenzio)” e ha quindi sottolineato l’incomprensibile snobismo delle autorità locali.
Dopo i tanti applausi scroscianti del pubblico ha ripetuto più volte: “diteglielo all’assessore!”.

Alla fine dello spettacolo lo staff di Duro è d’accordo nel dire che una figura così brutta Capo d’Orlando non l’avrebbe meritata e che la cittadina ha perso un’occasione per approfittare di un bello spettacolo tra risate e musica a soli 10 euro.

Ma al peggio non c’è mai fine: come se non bastasse nel pomeriggio Angelo Duro e la band per rimediare all’inesistenza di pubblicità hanno dovuto improvvisare per mezz’oretta al centro di Capo d’Orlando un piacevole “spettacolino di strada” gratis per pubblicizzarsi. Ma mentre si esibivano i vigili hanno multato il furgoncino con tanto di locandina dello show, per la serie: oltre il danno la beffa!

Alla fine dello spettacolo, prima di dedicarsi alle foto e ai video con i fans, Duro ha salutato il suo pubblico dicendo: “ci vediamo tra 15 anni!!” e come dargli torto!

Capo d’Orlando ieri ha perso tante occasioni: di divertimento, di serietà dell’amministrazione, ma soprattutto di pubblicità, visto che Angelo Duro è seguito da più di 135 mila persone su Facebook e fa parte della trasmissione più seguita d’Italia.

Sarebbe interessante sapere cosa ha da dire l’amministrazione e capire soprattutto in base a cosa l’arrivo di Stefania Petyx e del bassotto (special guest di Little Sicily) è molto pubblicizzato, mentre lo show di Angelo Duro è passato (immeritatamente) in sordina.

Un gruppo di spettatori indignati

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close