comune capo dorlando

C.d’Orlando: dura risposta del revisore Cipriano al PDL

comune capo dorlando

Risponde anche il revisore dei conti del Comune di Capo d’Orlando, Giovanni Cipriano, al comunicato stampa del PDL di qualche giorno fa. Dopo il responsabile dell’area amministrativa, Antonino Colica, è la vota quest’oggi di Cipriano che non le manda certo a dire nel comunicato stampa diffuso e che vi riportiamo integralmente di seguito:

“In merito al comunicato  diffuso dal Pdl nella giornata di sabato scorso e riportato dagli organi di stampa nella giornata di lunedì  nel quale viene chiamato in causa il sottoscritto sul comportamento tenuto nell’ultimo consiglio comunale che ha determinato l’approvazione del consuntivo 2012, ritengo che le affermazioni fatte dai consiglieri Abate e Trifilò del PdL,  siano tanto offensive, quanto prive di fondamento, avendo agito sempre nel rispetto delle regole e della deontologia professionale che da sempre ha  contraddistinto la vita lavorativa e professionale.

I termini usati, quali “compiacenza” e “tradito” li rispedisco al mittente, perché solo chi accusa con certi termini ne conosce bene il significato,  forse perché  avvezzo  a certi comportamenti  nella vita quotidiana. Al sottoscritto invece, e la storia parla chiaro, non appartengono né la natura, né il significato di certa terminologia, non essendo avvezzo a certi gesti o a costumi che ben poco hanno a che fare con la professionalità che gli appartiene.

Ha sempre ottemperato al proprio dovere nel rispetto della normativa su controlli e verifiche, facendo ciò che è prescritto dalla legge e riportando  solo la verità dei fatti. La relazione da me predisposta ed allegata al bilancio consuntivo, composta di ben 26 pagine, con descrizione delle poste scritte e relativi schemi e tabelle, è frutto di attenta analisi del consuntivo, e se i consiglieri non sono in grado di comprenderne il contenuto, la colpa non è certo del revisore che ha fatto quanto previsto dalla legge. Nessuno dei consiglieri  del PdL ha chiesto chiarimenti in merito alla relazione,  forse perché non sapevano cosa chiedere.

Ciò rende ancor più grave l’attacco pubblicamente portato alla mia persona ed alla mia professionalità e che segue di un anno quello che gli stessi Abate e Trifilò portarono al collega dr. Micale, a testimonianza dello “stile” che li contraddistingue ma che non gli fa certo onore”.

Giovanni Cipriano

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close