poletti

C. d’Orlando: l’Upea batte Imola e al PalaFantozzi è festa

poletti

Nonostante questa vittoria, sudata e sofferta dai paladini, non valga nulla ai fini della classifica finale del campionato di Legadue, a fine gara al PalaFantozzi si festeggia la fine di una stagione esaltante.

Il primo quarto si gioca a ritmi piuttosto bassi, nelle prime battute l’Upea ha un po’ più energia, Benevelli e Poletti la portano subito sul 6-0, ma mollano il gas dopo pochi minuti consentendo ai romagnoli di entrare in partita con Valenti e Frassineti ed il primo vantaggio romagnolo è siglato Foiera (15-16). Le due formazioni si rispondono colpo su colpo, ad Alex Young replicano Gay e Foiera, a fine primo quarto il tabellone segna 19-20.

In avvio secondo parziale è Imola a condurre il match, le triple di Foiera, Turrel e Frassineti la portano sul +8 (25-33). Poletti cerca di arginare i danni, ma la difesa romagnola è molto attenta e i paladini non riescono più a trovare soluzioni d’attacco. Le due formazioni sono molto sfortunate al tiro e il punteggio resta fermo sul 29-34 per due minuti e mezzo, finché Maestrello trova la tripla che sblocca entrambe le squadre, Poletti e Benevelli sono gli unici terminali offensivi tra i bianco-blu, la tripla del +9 Imola, messa a segno da Maestrello, fa svegliare anche Shawn Huff, che trova i suoi primi punti dopo 17′ e manda le squadre negli spogliatoi sul 35-42.

L’Upea sembra rientrare dall’intervallo lungo con nuova linfa, Young va ad inchiodare in contropiede ed il 2/2 di Huff dalla lunetta vale il -3 paladino. I romagnoli però sono in partita e il 20enne Chillo fa tutto da solo, riportando i suoi sul +7 (43-50). Ma i paladini ci credono, la zona bianco-blu è efficace, gli ospiti non trovano il canestro da fuori e Poletti da sotto segna il -2 (51-53). La tripla di Frassineti però manda nuovamente in bambola i bianco-blu, che passano a uomo e subiscono le incursioni di Chillo e Foiera, C’è spazio anche per Fabio Bontempo ed il terzo parziale si chiude sul 53-59.

L’ultimo quarto si apre con Chillo ad allungare la forbice sul 53-62, ma il pubblico del PalaFantozzi si fa sentire e dà coraggio ai paladini: Huff, la tripla di Young, il 2/2 ai liberi di Benevelli e il contropiede ancora di Young formano un break di 9-0 che riporta i paladini in parità a quota 62. La freddezza di Foiera dalla lunetta è seguita dal nuovo pareggio di Mathis, ma Frassineti due volte in contropiede allunga di nuovo sul 64-68. Ci pensano ancora Huff, con la tripla sulla sirena dei 24, e poi Young da sotto, a riportare in vantaggio i paladini (69-68), ma la tripla di Maestrello e di nuovo Foiera valgono un nuovo +4 romagnolo. Poletti da sotto mette il -1, il PalaFantozzi è una bolgia, il rimbalzo catturato da Poletti dà il possesso ai paladini, che lo sfruttano nel modo migliore: sul -1 Young mette la tripla del 75-73. Il fallo di Mathis su Gay lo manda in lunetta ed è un nuovo pareggio a 17” dalla fine. Dopo il time out chiamato da coach Pozzecco, Huff trova la tripla del nuovo +3 paladino (78-75) quando manca 1 secondo e mezzo alla sirena finale. Coach Fucà chiama time out, e manca davvero poco perché il tiro di Frassineti sulla sirena vada a segno, ma gli dei del basket vogliono che si festeggi al PalaFantozzi, e coach Pozzecco sposta i cuscini per consentire l’invasione dei tifosi in campo.

festa

 

Upea Orlandina Basket – Aget Imola 78-75 (19-20; 35-42; 53-59)
Orlandina: Young 23, Poletti 16, Benevelli 15, Pellegrino, Palermo 2, Mathis 6, Bontempo, Huff 16, Colica, Portannese, Pellegrino e Caronna n.e. Coach: Gianmarco Pozzecco.
Imola: Turel 5, Frassineti 25, Foiera 14, Gay 6, Chillo 11, Maestrello 9, Valenti 4, Masoni 1, Filippini e Riga n.e. Coach: Federico Fucà
Arbitri: Bonetti, Di Toro, Giovanrosa.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close