Rocca vs Cefalù

Promozione: le interviste dopo la finale Rocca-Cefalù

Rocca vs Cefalù

CAPO D’ORLANDO – La finale playoff del campionato di Promozione Siciliana Girone B tra Rocca di Capri Leone e Cefalù si è conclusa 2-2, con i biancazzurri che hanno passato il turno in virtù del miglior piazzamento in classifica durante la stagione regolare. Dopo l’avvincente gara del “Ciccino Micale” di Capo d’Orlando e in attesa della sfida tra Serradifalco e Canicattì che decreterà la prossima avversaria del Rocca, abbiamo raccolto alcune testimonianze, in un misto di sentimenti e sensazioni contrastanti per tutti i protagonisti. Sotto alcuni passaggi dei commenti post-partita:

Domenico Belvedere, dirigente USD Rocca di Capri Leone

«Siamo stati eroici, stoici, non ho aggettivi per definire i ragazzi. Il risultato finale è stato meritato e solo la sfortuna ci ha portato a giocare questa partita. Dopo il 2-2 ho pensato che bisognava andare contro il destino ma il passo decisivo verso l’Eccellenza credo sia stato definitivamente compiuto con questo pareggio. Se il Serradifalco batterà il Canicattì faremo dei caroselli particolari, direi in differita, ma sempre con enorme entusiasmo. In caso contrario, giocheremo contro il Canicattì sapendo che abbiamo un grande pubblico e un intero paese che ci segue e ci sostiene in questo sogno che perseguiamo da un’intera stagione».

Pino Minutella, allenatore ASD Cefalù Calcio

«Abbiamo giocato noi la partita, specie nel primo tempo, dove abbiamo fatto benissimo. Poi quel rigore generoso ha cambiato un po’ la gara. Alla fine siamo riusciti a pareggiare ma nei supplementari forse ci siamo scomposti un pochino. Ci sta, la squadra è giovane e il Rocca è comunque un signor avversario. Abbiamo patito la stanchezza nel finale e forse anche un po’ di inesperienza. Dovevamo essere più lucidi a centrocampo ma non posso rimproverare nulla ai ragazzi e sono molto contento di come hanno approcciato la partita. Usciamo a testa alta per un mero discorso di classifica dopo un pareggio e non una sconfitta e di questo sono orgoglioso. Adesso la delusione e la rabbia è ovviamente tanta, forse è prematuro parlare di ripescaggio in questo momento ma sappiamo di avere un organico che con qualche piccolo ritocco è in grado di partecipare ad un campionato di Eccellenza. Vedremo quale sarà la presa di posizione della società, io posso solo prendere atto del risultato del campo e fare i complimenti ai miei ragazzi per la grande partita disputata».

Calogero Vicario, allenatore USD Rocca di Capri Leone

«La partita è stata dura, c’è stata grande sofferenza. L’inizio è stato difficile. Noi forse avevamo ancora nella testa la gara di Barcellona e il Cefalù nella prima mezz’ora dà solitamente il meglio di sé ed è stato ancora una volta così. Superato il momento critico abbiamo finalmente cominciato a giocare e abbiamo fatto meglio. Dopo l’incredibile pareggio finale ho pensato che il destino non volesse farci vincere questo campionato. Nei supplementari però non abbiamo rischiato niente nonostante l’inferiorità numerica. Tutto questo alla faccia della condizione fisica. In dieci, per quasi 90’, abbiamo dimostrato che la nostra tenuta atletica e la nostra organizzazione tattica sono di alto livello. Ora aspettiamo Serradifalco-Canicattì. Se vincesse il Serradifalco sarebbe uno spot per lo sport e sarebbe un bel segnale per il calcio siciliano. Da parte mia onestamente un po’ di scetticismo c’è, io credo giocheremo chissà dove la finale contro il Canicattì e ci prepariamo per questo. Marandano sarà sicuramente out per squalifica, speriamo di recuperare almeno Giacobbe che è uscito molto malconcio da questa partita che comunque abbiamo meritatamente condotto in porto nonostante un grande Cefalù».

Le interviste integrali ai due allenatori possono essere riascoltate tramite il link sottostante:

https://itunes.apple.com/it/podcast/usd-rocca-di-capri-leone-asd/id634382027?i=158329441&mt=2

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close