IMG_1076

C. d’Orlando: l’amministrazione in piazza, molti gli argomenti trascurati – Foto

IMG_1076
Sabato scorso, nella centralissima Piazza Matteotti, il Sindaco di Capo d’Orlando e componenti della giunta e del consiglio, con anche gli esperti, hanno parlato ai cittadini presenti. Non c’era la piazza stracolma come altre volte accaduto ai comizi di Enzo Sindoni. Nessun accenno reale alla situazione legata alla raccolta rifiuti, all’ATO, alla futura ARO, all’occupazione, soprattutto quella relativa ai precari impiegati al Comune che rischiano il posto di lavoro, al caro bollette GAS Metano che da qualche settimana hanno messo in ginocchio numerose famiglie dell’hinterland, al porto, oltre ad aver ribadito di aver ottenuto 507 autorizzazioni.

13042013-cessate il fuoco-8602

Nel discorso di Enzo Sindoni è sembrato comunque di percepire un cenno di apertura anche nei confronti dell’opposizione consiliare. Non solo critiche fine a se stesse ma anche suggerimenti, consigli, proposte quelle richieste dal primo cittadino alla minoranza per migliorare le condizioni di vivibilità e organizzazione del paese.

Ad aprire i lavori il consigliere neo eletto Emiliano Amadore che ha ribadito il successo della fontana leggera di contrada Forno basso, ad onor del vero voluta dal consigliere di minoranza Carmelo Galipò e realizzata nella passata legislatura, e della mensa scolastica gratuita per i due istituti comprensivi.

13042013-cessate il fuoco-8615

A seguire anche gli interventi di Annalisa Germanà, Gianfranco Timpanaro e Andrea Paterniti (nelle foto di seguito) che hanno puntato l’attenzione su quanto realizzato in questi 19 mesi di mandato. Ma molta attesa c’era per le parole del Sindaco Enzo Sindoni che ha fortemente voluto questo comizio in Piazza Matteotti.

13042013-cessate il fuoco-8618

 

13042013-cessate il fuoco-8625

 

13042013-cessate il fuoco-8632

La prima parte del suo discorso è stata mirata ad una critica nei confronti del PDL locale che chiede, a suo dire, un maggior risparmio economico nella gestione della “cosa pubblica” quando proprio questo partito, sempre secondo Sindoni, a livello nazionale ci ha portati nella situazione nella quale ci troviamo di crisi profonda. Ma ampio spazio il Sindaco lo ha dedicato ad elogiare l’operato di Giacomo Miracola, esperto alla cultura, che tanto bene sta valorizzando la Pinacoteca comunale.

Dopo aver parlato della protesta contro il Mous di Niscemi, associandosi alle decisioni di non volerlo in terra siciliana, Sindoni si è scagliato contro chi lo ha criticato ed insultato tramite i social network. Ma ha anche criticato chi sostiene che le frecce tricolore, che torneranno a Capo d’Orlando il 7 luglio prossimo dopo soli 3 anni, abbiano un costo di 100 mila euro. Secondo il primo cittadino si tratta di una manifestazione gratuita che rilancerà l’estate orlandina.

13042013-cessate il fuoco-8641

Verrà inoltre proposta dall’amministrazione la cittadinanza onoraria a Gino Paoli anche per fare chiarezza, una volta per tutte, ha dichiarato Sindoni, sulla verità relativa al luogo che ha ispirato le parole della celebre canzone “Sapore di sale”.

Sulla questione porto Sindoni non si è detto preoccupato del fatto se sarà lui o qualche altro ad inaugurarlo. E’ sicuro che si completerà e non è certo colpa della sua amministrazione se le normative europee pongono limiti così restrittivi nella realizzazione dell’opera. Questo fa pensare che i tempi si allungheranno ancora in maniera consistente. Soddisfazione è stata espressa dal primo cittadino per la recente inaugurazione del centro di assistenza ai malati di Alzheimer di contrada Forno Alto. “Una eccellenza sanitaria che qualifica il nostro impegno in questo delicato settore”.

La solidarietà si fa con i fatti e non con le parole, ha continuato il primo cittadino, ricordando l’impegno di spesa dei suoi gruppi consiliari che hanno devoluto i loro gettoni di presenza relativi alla passata legislatura per donare materiale sanitario alla comunità.

Sindoni ha anche parlato del ripascimento del lungomare di San Gregorio, all’altezza del vecchio porto, della possibilità di aprire dalla S.S. 113, per collegare il parco suburbano di contrada Scafa. Inoltre ha anticipato la necessità di intervenire o di chiudere lo stadio comunale “Francesco Paolo Merendino” per le condizioni in cui versa e per l’impossibilità di poter cambiare il manto in erba sintetica che necessita di circa 300mila euro.

Alla fine però il tempo è tiranno e questo, secondo noi, Sindoni lo ha percepito tanto da dover accelerare il suo discorso e probabilmente a costringerlo a tralasciare questioni che molti si attendevano venissero trattate.

Nessun accenno infatti alla questione legata al costo del gas metano che a Capo d’Orlando e hinterland costa più che in altri paesi. Niente nemmeno per quanto riguarda la raccolta rifiuti, il precariato, mentre sui lavori del lungomare ha affermato che nonostante le difficoltà progettuali iniziali stanno proseguendo in maniera spedita e che verranno conclusi prima dell’estate.

Qualcuno ha anche accennato ad una timida protesta dal fondo della piazza durante il discorso di Sindoni ma tutto si è svolto nell’assoluta tranquillità e serenità, come giusto che sia.

IMG_1074

 

Per le foto si ringrazia il fotografo Grasso

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close