consiglio brolo_pp

Brolo: sì all’Osservatorio sulla Salute, no alla Commissione finanziaria d’indagine.

consiglio brolo_pp

La maggioranza e l’opposizione brolese fanno il punto sull’esito dell’ultimo Consiglio Comunale tenutosi qualche giorno fa e che ha visto la nascita dell’Osservatorio Cittadino sulla Salute, ma tuttavia, ha visto sfumare la possibilità dell’istituzione di una Commissione Finanziaria d’Indagine, dopo i gravi fatti delle recenti “verifiche contabili”.

Partendo dall’’Osservatorio Cittadino sulla Salute bisogna sottolineare che esso si propone di realizzare una politica socio-sanitaria il più possibile attiva, pratica, concreta e che coincida realmente con i problemi e i fabbisogni dei cittadini. “Ho individuato uno strumento che potesse coniugare tutte queste richieste, – afferma la dott.ssa Morini – creando un’istituzione atta non ad esercitare potere, o ad amministrare o distribuire denaro, infatti non ci sono fondi destinati o incarichi, bensì uno strumento di politica partecipata basato sulla  interdisciplinarietà e sulla intersettorialità di condivisione, basato sulla  partecipazione e stimolato dalle sollecitazioni provenienti da soggetti e ambiti diversi: soprattutto associazionistico, ma anche culturale, educativo, sociale, sanitario, universitario eccLa mission dell’osservatorio – continua il capogruppo – è quella di fornire strumenti di analisi, progettualità, approfondimenti politici e tecnici, campagne di comunicazione sociale e di informazione circa le più importanti aree tematiche riconducibili alle      problematiche della Salute e Igienico-Sanitarie. In questo, un contributo sostanziale verrà richiesto a tutte le associazioni cittadine che faranno parte dell’Osservatorio”.

Sul secondo punto all’O.d.G riguardante la proposta del gruppo consiliare di minoranza, per I’istituzione di una commissione di indagine su questioni correlate alla gestione finanziaria e contabile del Comune, il gruppo di Maggioranza non ha accolto tale proposta, in quanto, come dichiarato in consiglio dal capogruppo consiliare di maggioranza, “sebbene il Sindaco si fosse pronunciato inizialmente favorevolmente all’istituzione della commissione, tuttavia il gruppo consiliare valutando che, sull’argomento sono in corso verifiche da parte di organi competenti, e che il Paese in questa fase non ha alcun bisogno di essere esposto alla gogna mediatica, ma piuttosto necessita che l’Amministrazione si impegni concretamente per realizzare il programma per cui è stata eletta, ha indotto il Sindaco a rivalutare la sua posizione, ritenendo inopportuno, a questo punto, l’istituzione della commissione richiesta dalla minoranza.

Questo il punto di vista della maggioranza consiliare, ma i consiglieri di minoranza, attraverso una nota fanno emergere il loro punto di vista sull’argomento e soprattutto sull’andamento della seduta.

Il nostro gruppo consiliare – dicono i cinque consiglieri d’opposizione – aveva chiesto l’istituzione di una commissione di indagine per permettere anche al consiglio comunale di verificare in maniera più dettagliata la questione in oggetto. Ci aspettavamo ed eravamo assolutamente convinti che in aula ci sarebbe stata una forte unità di idee ed intenti per dare un segnale chiaro di trasparenza all’intera nostra collettività. Convinzione supportata anche dalle recenti e numerose dichiarazione in merito fatte dal sindaco Salvatore Messina, come quella rilasciata in un comunicato stampa soltanto pochi giorni fa : “Se l’opposizione  vorrà proporre una commissione d’inchiesta sul caso, siamo favorevoli e sereni e tutto l’esecutivo sarà aperto al confronto insieme agli uffici”. Purtroppo invece e con nostra assoluta sorpresa e sconcerto ci siamo ritrovati una maggioranza consiliare che con motivazioni, almeno secondo noi, assolutamente risibili ha espresso il proprio voto contrario all’istituzione della commissione. Noi crediamo che quel voto sia stato un momento triste per la democrazia nel nostro paese, alle promesse fatte e strombazzate non sono seguiti i fatti. Anzi ci è sembrato che la voglia di questa amministrazione e della maggioranza che la sostiene, sia quella di far calare una cappa di silenzio su questa situazione. Da parte nostra comunque assicuriamo il nostro massimo impegno e la nostra massima attenzione, e, senza timore alcuno, continueremo a vigilare costantemente nell’interesse esclusivo dei nostri concittadini”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close