Futura Juniores

Brolo: vince la Futura ma perde lo sport. Aggrediti perché “non volevano perdere”

Futura Juniores

Sabato pomeriggio si sarebbe dovuto disputare un semplice incontro di calcio, l’atteso e lieto epilogo di una settimana di duro allenamento. Questo doveva essere la gara della 23esima giornata del girone C di prima Categoria tra Valle del Mela e Futura Brolo.

Il Valle del Mela, ultimo in classifica, si giocava le residue speranze di salvezza contro una Futura in lotta per ottenere il miglior piazzamento possibile nella griglia play-off. Fin dalle prime battute della partita il direttore di gara aveva il suo bel da fare per placare i focosi animi della squadra locale, ma era al doppio fischio arbitrale, che sanciva la fine del primo tempo con la Futura in vantaggio per 1-0, quando tutti si dirigevano verso gli spogliatoi, che scoppiava l’imprevedibile secondo il racconto dei componenti della compagine brolese. L’intervallo tra il primo e il secondo tempo si trasformava, pare, in un’aggressione in piena regola. Dirigenti e giocatori del Valle del Mela bloccavano tutti i giocatori della Futura nell’imbocco del sottopassaggio inveendo nei loro confronti ed aggredendoli con calci e pugni.

Non potendo più proseguire verso gli spogliatoi, i ragazzi della Futura hanno raccontato di essere stati costretti a fare dieto-front risalendo verso il terreno di giuoco, continuando, peraltro, ad essere aggrediti sotto gli occhi allibiti del pubblico presente. Alcuni atleti brolesi cadevano a terra sotto i colpi provenienti anche da più persone contemporaneamente. A nulla serviva l’atteggiamento non violento dei ragazzi della Futura, alcuni dei quali erano costretti, a fine gara, a farsi prestare soccorso medico.

I padroni di casa, in faccia al dovere di ospitalità, giustificavano tra l’altro questo inqualificabile comportamento col il rifiuto da parte della Futura “all’invito a perdere la partita”, secondo quanto si legge in un comunicato stampa diffuso dalla società di Brolo, invito che era stato precedentemente rispedito al mittente (in tempi non sospetti). Senza avere quindi la possibilità di scendere negli spogliatoi la Futura, poteva solo attendere il rientro in campo del direttore di gara ignaro di quanto successo nei 15’ dell’intervallo e siccome “the show must go on” si riprendeva il secondo tempo come se nulla fosse accaduto. Ma, a questo punto il risultato contava ben poco, l’unico interesse della Futura era quello di assicurare il rientro a casa dei propri tesserati senza ulteriore problemi, e per questo i dirigenti giallo-blu si vedevano costretti a fare intervenire i carabinieri che, giunti in gran numero, riuscivano ad evitare che al termine della gara potessero ripetersi gli incresciosi eventi accaduti nell’intervallo.

La Futura riusciva comunque portare a casa una vittoria, una vittoria contro il sistema, un sistema ormai vecchio, fatto di minacce, di intimidazioni e di violenza, che nulla ha a che fare con i principi che dovrebbero avere le Società Sportive, ma piuttosto affini ad altri tipi di “associazioni”. Quella ottenuta contro il Valle del Mela è sicuramente la vittoria più amara della storia della Futura, poiché quando la prepotenza, la stupidità e la VIGLIACCHERIA prevalgono sulla ragione e sui sani valori sportivi, tutto il resto passa in secondo piano. Le escoriazioni, gli ematomi e i diversi altri traumi chi i giovani calciatori della Futura si portano addosso sono comunque il male minore quando a perdere sono lo sport e la civiltà.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close