Upea_Jesi

C.d’Orlando: l’Upea schiaccia Jesi per 116-91

Upea_Jesi

L’Upea disputa una gara perfetta, staccando Jesi anche di 34 lunghezze e vincendo con un punteggio altissimo (116-91), nonostante l’infortunio di Otis George e utilizzando Mason per soli 2 minuti. La Jesi dei due ex, Ryan Hoover e Fabio Zanelli, poco può contro i paladini, che fanno di necessità virtù, trasformando il neo-arrivato Shawn Huff nell’eroe di giornata (MVP della gara con 25 punti al suo esordio in maglia Upea). Ottima la prestazione di tutti i paladini, con ben 6 dei ragazzi di coach Pozzecco in doppia cifra e l’ingresso dell’orlandino Federico Crisà (classe ’95), ad un minuto e mezzo dalla fine.

Parte benissimo l’Upea, Mathis e Poletti guidano gli attacchi paladini e realizzano il primo parzialino della partita, l’Upea comanda per 8-0 e i primi due punti per i marchigiani arrivano per mano di Maggioli dopo ben 3 minuti di gioco. L’ottima difesa paladina e gli attacchi concretizzati dalle tre bombe di Portannese e del neo-arrivato Shawn Huff, consentono all’Upea di allargare la forbice sino al +13 (21-8) firmato Poletti. Valentini cerca di accorciare le distanze con la tripla dall’angolo che vale il -10 Jesi, ma ben due giochi da tre punti di Huff e il contropiede di Mathis portano il vantaggio sul +16 (29-13). Maggioli e compagni possono fare poco contro le bocche di fuoco paladine, Portannese realizza addirittura la tripla da 10 metri allo scadere del quarto che vale il +20 Upea (37-17).

Shawn Huff apre il secondo quarto con due triple e Benevelli firma il +27 Upea (45-18). Il fallo antisportivo fischiato a Palermo dà fiducia ai marchigiani, che iniziano a macinare gioco e si portano sul -20 guidati da Eric Griffin (49-29). Ma Portannese e compagni non ci stanno, Battle mette pressione in difesa e recupera due palloni che significano due contropiedi e due schiacciate che infiammano il PalaFantozzi. La zone-press dei neroarancio non basta, i bianco-blu hanno una marcia in più e mantengono sempre un vantaggio superiore ai 20 punti. Il nuovo arrivato Huff realizza l’ennesimo gioco da tre punti che manda le due squadre negli spogliatoi sul 69-43 (+24).

Upea_Jesi2

Al rientro dagli spogliatoi la musica non cambia, i paladini continuano indisturbati ad allargare la forbice fino al +32 firmato Portannese. Sanders cerca di salvare la faccia caricandosi la squadra sulle spalle, ma Poletti e Battle non ci stanno, il vantaggio Upea si mantiene sul +32 (88-56). I marchigiani sembrano aver perso le speranze, difendono a sprazzi e subiscono i paladini che giocano quasi indisturbati e chiudono il terzo quarto sul +34 (99-65).

Il quarto parziale si apre con il +36 firmato Palermo (101-65), i marchigiani vogliono accorciare le distanze e la schiacciata di Griffin vale il -28 (103-75). A 5 minuti dalla fine del match, quando ormai i neroarancio hanno poco da sperare, sul tiro libero di Gaspardo, il centro Griffin scivola e cade sul parquet, alla sportiva mano tesa da Pellegrino per aiutarlo a rialzarsi, Griffin si ritrae e Gaspardo si intromette spingendo il giovane pivot paladino, che per tutta risposta fa per iniziare una rissa, subito fermata dagli arbitri, che espellono i due. Jesi cerca di accorciare le distanze, vince infatti l’ultimo quarto per 17-26, ma Portannese ed Huff tengono i paladini avanti ed alla fine c’è spazio anche per l’orlandino Federico Crisà, il quale tenta la tripla allo scadere che si infrange sul ferro.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close